Come conquistare una donna Sposata le tecniche che Funzionano

Non desiderare la donna d’altri, è uno dei comandamenti cristiani. Ma cosa fare se ti innamori di una donna e solo successivamente noti la fede nuziale al dito? La risposta è: tenti di sedurla. Molti uomini hanno paura delle donne sposate. Non vogliono rovinare la famiglia di qualcuno oppure pensano che flirtare con una donna sposata sia una sfida troppo difficile.

Tuttavia, risulta che una buona parte delle donne sposate, ma anche degli uomini, tradisce i propri coniugi. Naturalmente, secondo le statistiche ufficiali, la percentuale sarà molto più bassa poiché la maggior parte delle donne preferisce nascondere i propri affari.

Ora non vogliamo entrare in aspetti “morali” della questione, siamo qui per dispensare consigli sul come conquistare una donna sposata, su quali aspetti emotivi toccare per andare dritto al cuore.

Perché alle donne sposate non dispiace essere sedotte

Le ragioni sono abbastanza ovvie. Dopo tanti anni di vita coniugale, le donne, ma come tutti d’altronde, si stancano della routine. Le cose si aggravano se si tratta di un matrimonio NON FELICE, se il coniuge non mostra abbastanza attenzione e interesse nella sua vita, se comunicano male, se vuole essere desiderata e provare vivide emozioni.

Ci sono famiglie in cui i mariti sono spesso lontani da casa. Quindi le donne iniziano a cercare qualcuno che le salverà dalla solitudine. Vogliono l’uomo che apprezzerà la loro bellezza e sessualità, che darà loro ciò che manca nella loro vita coniugale.

Ecco perché SE VUOI CONQUISTARE UNA DONNA SPOSATA devi dimostrare che puoi darle ciò che il coniuge non le può dare: sesso passionale, attenzioni e romanticismo.

Altri fattori che possono indurre una donna sposata ad avere un filrt includono:

Un’occasione favorevole. Le donne raramente pianificano l’adulterio. Di solito, succede per caso. Se una donna ha questa idea in fondo, la soccomberà quando un uomo, diverso da suo marito, appare nella sua vita.

sedurre-donna-sposata

Esempio dei genitori. Secondo psicologi e fisiologi, esiste una chiara tendenza a “seguire i passi dei genitori” tra i bambini adulti. Se un bambino o un adolescente sono stati testimoni di infedeltà nella loro famiglia, possono concludere che si tratta di un comportamento normale in famiglia.

La donna inizia l’intimità in un matrimonio. Se una donna è una leader a letto, è incline a barare. Soprattutto se ha più di 40 anni. Tali donne hanno un’idea diversa dell’iniziativa nel sesso rispetto alle donne più giovani che sono pronte ad aspettare fino a quando l’uomo fa la prima mossa.

L’esempio della sua amica. Le ragazze condividono i fatti della loro vita sessuale con i loro amici. Se una donna ha delle amiche sposate che hanno tradito i loro mariti, vorrà provare anche lei una situazione del genere.

Poca esperienza sessuale prima del matrimonio. Se una donna ha avuto poche relazioni sessuali prima di sposarsi potrebbe essere interessata a provare nuove esperienze fuori dal letto.

Se pensi a come sedurre una donna felicemente sposata, dovresti rinunciare a questo pensiero, soprattutto se si tratta di una giovane coppia sposata. Poco dopo il matrimonio, si concentra solo sul marito e non presta attenzione agli altri uomini. Ottiene ciò che vuole da questa relazione poiché passione e romanticismo sono ancora molto presenti nella loro vita.

Dove trovare donne sposate

Praticamente ovunque. I posti migliori in cui puoi incontrare donne sposate sono il tuo ufficio, bar, club, siti di incontri / app.

Se sei in un bar, è abbastanza facile individuare una donna sposata che è venuta qui per trovare qualcuno per un’avventura. Sarà seduta da sola, guardandosi intorno, cercando di attirare l’attenzione di un uomo che potrebbe renderla più luminosa. Questo succede nei film, o forse all’ estero, in ITALIA non è così.

Ci sono siti di incontri dedicati alle donne un po’ mature, le classiche MILF 40enni come QUESTO QUI, altrimenti qualsiasi posto è buono per attaccare bottone.

Come sedurre una donna sposata al lavoro

Se vuoi sedurre la tua collega sposata innazitutto dovresti saperne di più su di lei e sulla sua relazione con suo marito. Il modo migliore per farlo è essere più attento e avere buoni rapporti con quei colleghi che possono fornirti alcune informazioni preziose su di lei.

Avrai un’idea generale della sua vita coniugale ascoltando i frammenti delle sue conversazioni con le colleghe e le sue telefonate. E se hai qualcuno che interagisce con lei regolarmente, puoi ottenere alcuni fatti preziosi da loro.

Dovrai creare un terreno fertile per la tua strategia di seduzione. È già bello che tu non sia un totale estraneo. Lavori spalla a spalla e ti vedi regolarmente con lei. Crea circostanze favorevoli per le tue azioni attive. Tuttavia, non dovresti affrettare le cose. Se le chiedi di andare a bere qualcosa, capirà subito a cosa punti. È un suggerimento molto evidente. Anche se le piaci, è importante per lei giustificarsi davanti agli altri colleghi e, soprattutto, davanti a se stessa.

Fai finta di aver bisogno del suo aiuto. Questa è una buona scusa per avvicinarsi. Discutendo di un nuovo progetto, puoi mostrare il tuo interesse per lei lodando le sue capacità professionali, facendo complimenti sicuri, mostrando il tuo rispetto. Questo susciterà alcune emozioni in lei e la farà guardare non solo come un collega ma un uomo interessante.

Quando senti che la connessione è stabilita, puoi smettere di cercare scuse per stare insieme a lei. Finalmente puoi chiederle di uscire. Dovresti essere preparato per alcuni ostacoli: il sesso con un altro uomo non è una decisione facile per una donna sposata. Può essere attratta da te emotivamente perché le piacciono quelle conversazioni con te e il modo in cui la fai sentire. Dalle tempo. Deve abituarsi all’idea di un “tradimento” o di una “scappatella”.

Inoltre, la maggior parte delle donne sposate non è interessata a relazioni serie, a meno che non stia divorziando. Preferiscono avere un’avventura e sanno che possono metterla fine ogni volta che vogliono. Ecco perché tu metteranno alla prova, rifiutando le avances guardando la tua reazione. Se, nonostante il suo rifiuto, continui ad essere la stessa persona che le da’ continue attenzioni avrai raggiunti punti extra. Se dimostri che il suo rifiuto ti ha ferito, dimostrerai solo di essere debole e bisognoso.

Come sedurre una donna sposata con messaggi di testo

Se è una persona che conosci dovresti prima affrontare una comunicazione dal vivo. I messaggi di testo sono appropriati se vuoi sedurre una donna sposata che hai incontrato, ad esempio, al bar e che ti ha lasciato il  suo numero di telefono. Certo, la vera seduzione è quella praticata faccia a faccia, ma prima di organizzare il tuo appuntamento, dove sarai in grado di applicare la tua arte della seduzione, dovresti mantenere accesa la fiamma facendola sentire speciale e voluto.

Puoi ispirarti con frasi latine sull’ amore che fanno sempre effetto. Non essere troppo smielato e ricorda che è sempre una donna sposata, non è disponibile tutte le ore con la chat.

Il primo messaggio dovrebbe essere inviato lo stesso giorno in cui ti sei incontrato. Dopo essere tornato a casa, scrivile qualcosa del tipo: “..mi ha fatto molto piacere conoscerti, passa una buona giornata” rimani su frasi semplice, cerca di capire se lei è interessata e risponde a modo.

Potrebbe essere una buona tattica quella di farla aspettare. Non rispondere subito al suo messaggio. Gioca un po ‘, fatti desiderare, ma non troppo. Se rispondi immediatamente, è un segno per lei che sei subito disponibile, lascia far capire invece che sei molto richiesto.

Di solito, le donne sono molto attente quando scrivono messaggi. Se hai notato un errore, un’assurdità corretta automaticamente nel suo messaggio, prendila in giro. È una buona strategia di flirt.

Valuta i tempi. Non disturbarla con i tuoi messaggi se sai che potrebbe essere occupata proprio in questo momento. Invece di sedurla, la infastidirai e basta.

Non iniziare subito con il “sexting” ovvero messaggi a sfondo sessuale. È una donna sposata e non la impressionerai con il sexting, a meno che non sia lei ad iniziare.

Non essere civettuolo tutto il tempo. Flirtare e chiacchierare è importante, ma dovresti anche essere serio, interessarti ad argomenti importanti della sua vita.

Sii empatico: cerca di capire le sue emozioni, cosa sta vivendo, i suo problemi amorosi di famiglia.

Sedurre una donna con il corpo e il linguaggio

Seduci le donne usando anche il linguaggio del corpo.

Parla a bassa voce. Molto spesso, ciò che dici non è importante quanto il modo in cui lo dici. Le donne adorano quando gli uomini parlano con una voce bassa, baritonale e non parlano molto forte. È molto seducente.

Inondala di complimenti. Le migliori parole per sedurre una donna sposata sono complimenti. Gli uomini iniziano a dare per scontati i loro coniugi dopo il matrimonio e dimenticano di dire loro belle parole. Fai quello che suo marito non fa: adulala Loda il suo aspetto, il suo carattere, i suoi successi.

Falla ridere, sii allegro, divertiti ovunque tu vada con lei. Ha bisogno di quelle emozioni .

Sii seducente. Ti chiedi: “Come posso sedurre una donna sposata?” Essendo seducente! Significa che dovresti vestirti in modo elegante, usare una piacevole acqua di colonia, indossare un orologio elegante, dimostrare buone maniere. Diventerai l’uomo dei suoi sogni, soprattutto se suo marito non ha tutte queste cose.

Toccala. Il tocco è necessario per mostrare le tue intime intenzioni. Ma nel caso delle donne sposate, dovresti essere cauto e usare inizialmente tocchi delicati. Potrebbe essere interessata solo alla comunicazione con te prima e dopo essere attratta sessualmente da te. Come sedurre una donna sposata con il tocco? Abbracciare è ciò di cui le donne hanno bisogno. Gli abbracci sono ancora più intimi del sesso . Gli piacciono anche i tocchi casuali, come regolare una ciocca di capelli o tenerla per mano.

 

(Visited 73 times, 3 visits today)

I consigli per Aumentare la propria Autostima

Le persone spesso si confondono sul reale significato di autostima. Qualcuno pensa che ciò abbia a che fare con quello che si possiede, con quanto si è popolari con gli amici oppure con altre persone. Altri credono che avere un bell’aspetto aiuti ad accrescere l’autostima mentre molte persone pensano che si debba fare un lavoro di grande responsabilità in cui si esercita del potere per possedere una buona autostima di sè.

Tutto ciò è sbagliato. Avere autostima significa semplicemente apprezzare se stessi per quello che si è accettando difetti, manie, gusti che appartengono alla propria persona. Quindi niente ha a che vedere con quanto guadagniamo, con che auto si va al lavoro, dove si fanno le vacanze, quanto è grande la vostra casa. Sono indicatori materialistici che non servono ne’ a misurare ne’ a migliore la fiducia nelle proprie possibilità.

DEFINIZIONE DI AUTOSTIMA:

Le persone con una buona e sana stima di sé sono in grado di sentirsi bene con se stessi per quello che sono, apprezzano il proprio valore e sono orgogliosi delle loro capacità e di ciò che hanno realizzato.

 

Questi individui riconoscono che i loro difetti non giocano un ruolo schiacciante nella loro vita, ma fanno parte della loro unicità che li rende differenti e vincenti.

 

LEGGI ANCHE: Come conquistare una donna sposata

Qual è il significato dell’autostima? Una definizione

Probabilmente hai già una buona idea sul significato della parola, ma iniziamo comunque dall’inizio: cos’è l’autostima?

L’autostima si riferisce al senso generale di una persona, al suo valore . Può essere considerata una sorta di misura di quanto una persona “valorizzi, approvi, apprezzi, premi o gli piaccia se stessa” .

L’autostima è semplicemente l’atteggiamento di una persona verso se stessi che puo’ essere favorevole o sfavorevole.

Vari fattori che potrebbero influenzare la nostra autostima includono:

  • Genetica
  • Personalità
  • Esperienze di vita
  • Età
  • Salute
  • Pensieri
  • Circostanze sociali
  • Le reazioni degli altri
  • Confronto di se stessi con gli altri

 

Una nota importante è che l’autostima non è fissa. È malleabile e misurabile, il che significa che possiamo testarlo e migliorarlo.

accrescere autostima

Chi sono coloro che hanno alta autostima

Ci sono alcune caratteristiche che distinguono quanto è alta l’autostima di qualcuno. Esempi di queste caratteristiche sono l’essere aperti alle critiche, riconoscere gli errori, sentirsi a proprio agio nel dare e ricevere complimenti e mostrare un’armonia tra ciò che si dice, si fa, si guarda, si suona e si muove. Le persone con alta autostima non hanno timore di mostrare la loro curiosità, discutere le loro esperienze, idee e opportunità. Possono anche godere degli aspetti umoristici della loro vita e sono a proprio agio con l’assertività sociale o personale (Branden, 1992).

Sebbene la bassa autostima abbia ricevuto più attenzione rispetto all’autostima, il movimento psicologico positivo ha portato alla ribalta l’autostima. Ora sappiamo di più su come appare l’autostima e su come coltivarla.

Sappiamo che le persone con alta autostima:

  • Apprezzano sé stessi e le altre persone.
  • Sono entusiaste nel crescere come persona e a trovare soddisfazione e significato nella propria vita.
  • Sono in grado di scavare in profondità dentro sé ed essere creativi.
  • Prendono le proprie decisioni e si conformano a ciò che gli altri dicono di essere e fare solo quando sono d’accordo.
  • Accettando le altre persone come sono, spingendole verso una maggiore fiducia e una direzione più positiva.
  • Possono facilmente concentrarsi sulla risoluzione di problemi nella loro vita.
  • Hanno relazioni amorevoli e rispettose .
  • Conoscono quali sono i loro valori e vivono la loro vita di conseguenza.
  • Parlano e raccontano agli altri le loro opinioni, con calma e gentilezza, e condividono i loro desideri e bisogni con gli altri.

 

Sappiamo anche che ci sono alcuni modi semplici per capire se hai un’alta autostima. Ad esempio, probabilmente hai un’alta autostima se:

  • Agisci in modo deciso senza provare alcun senso di colpa e ti senti a tuo agio nel comunicare con gli altri.
  • Eviti di soffermarti sul passato e ti concentri sul momento presente.
  • Credi di essere uguale a tutti gli altri, niente di meglio e niente di peggio.
  • Rifiuti i tentativi degli altri di manipolarti.
  • Riconosci e accetti una vasta gamma di sentimenti, sia positivi che negativi, e li condividi all’interno delle tue relazioni sane.
  • ti godi un sano equilibrio tra lavoro, gioco e relax .
  • Accetti le sfide e prendi i rischi per crescere e impara dai tuoi errori quando fallisci.
  • Gestisci le critiche senza prenderle sul personale, con la consapevolezza che stai imparando e crescendo e che il tuo valore non dipende dalle opinioni degli altri.
  • Valorizzi te stesso e comunichi bene con gli altri, senza paura di esprimere i tuoi gusti, antipatie e sentimenti.
  • Valorizzi gli altri e li accetti così come sono senza cercare di cambiarli (consapevolezza dell’autostima).

 

 

Come aumentare la propria autostima

Non è possibile correggere ciò che non si conosce“. Questo è uno dei concetti fondamentali della Psicoterapia cognitivo-comportamentale. Quindi quando andiamo da uno psicologo, prima di arrivare a lavorare ed iniziare con la terapia, si passa una dicreta quantità di tempo ad identificare i nostri pensieri irrazionali ed ingiustificati. Ciò lo dobbiamo fare anche per aumentare l’autostima.

Generalizzando magari spesso ci viene da pensare cose come “faccio schifo“. “Non valgo niente“. “Non sono un buon padre/marito/figlio“. Sono bugie che ci ripetiamo spesso e spesso sono autoconvincenti. Non è vero! Tutti noi abbiamo almeno una volta fatto schifo, non siamo stati un buon padre, ma questa non è la nostra vera identità. Convinciamoci di ciò e andiamo avanti.

Ora prendi un pezzo di carta e traccia una linea in mezzo dividendolo in due. Da una parte scrivi 10 tuoi punti di forza e dall’ altro lato 10 tuoi punti deboli.  Chi scarseggia in autostima farà fatica a trovare dei punti di forza, ma cercate di sforzarvi.

Se avete difficoltà ad arrivare 10 punti di forza ricordate magari di quella volta che qualcuno vi ha detto “grazie per avermi ascoltato l’altra sera“, oppure quando vi hanno detto “hai fatto un ottimo lavoro“, “sei stato bravo“. Anche se pensate che siano cose stupide elencatele comunque. Si può essere sorpresi di quanto sia facile arrivare a 10.

aumentare-autostima

Questo è l’inventario dell’ autostima. Rileggetevelo varie volte, alla fine non sembrate che facciate così schifo. Alcune dei punti deboli che avete elencato possono essere facilmente cambiati se lavorate su voi stessi. Ci vuole tempo e pazienza. Nessuno cambia le cose in una notte, quindi non abbiate aspettative non reali sul cambiamento. Non basta un giorno e nemmeno una settimana per cambiare.

Impostare aspettative realistiche per accrescere la stima di se’.

Nulla può uccidere la nostra autostima più di un’aspettativa irrealistica. A volte anche se le nostre aspettative sono molto più piccole possono comunque essere non realistiche. Per esempio, “Vorrei che mia moglie, o marito, la smettesse di criticarmi“. Ciò non accadrà magari, ma potete far sì che le critiche siano per voi ininfluenti.  La tua autostima ti ringrazierà. Questo può anche aiutare a fermare il ciclo del pensiero negativo su di te .

Mettere da parte la perfezione.

La perfezione è semplicemente irraggiungibile , lasciala perdere. Non riuscirai mai ad avere il corpo perfetto, la vita perfetta, il rapporto perfetto, i figli perfetti, o la casa perfetta. Sono modelli propinati dalla tv che non SONO REALI. Smettete di crederci e nel frattempo però muovetevi per realizzare cose che sono alla vostra portata.

Alcune persone potrebbero anche realizzarle giorno per giorno, mentre altri potrebbero sentirsi più a loro agio realizzandole un volta alla settimana o anche una volta al mese. La chiave è quella di raggiungere un obiettivo alla volta e successivamente passare a quello successivo che sarà un pochino più difficile del precedente.

E ‘altrettanto importante di imparare qualcosa dagli errori che si fanno nella vita. Gli errori sono un’opportunità di apprendimento e di crescita se abbiamo però il coraggio di allontanarci dall’ autocommiserazione o dal ripeterli.

Esploriamo noi stessi.

Conosci te stesso” è un vecchio detto che ci incoraggia nell’ auto-esplorazione. Di solito le persone più felici sono quelle che sono passate attraverso questo esercizio. Non si tratta solo di conoscere i punti di forza e di debolezza, ma anche di aprirsi a nuove opportunità, nuovi pensieri, provare qualcosa di nuovo, fare nuove amicizie.

A volte, quando siamo giù di corda con la nostra autostima a zero pensiamo di non poter offrire nulla agli altri . Ciò però potrebbe significare semplicemente che non abbiamo trovato ancora qualcosa da offrire perchè non ci abbiamo pensato . Imparare di che cosa si tratti è semplicemente una questione di tentativi ed errori. Dobbiamo prendere rischi e fare cose a cui non avevamo pensato.

Siate disposti a modificare il proprio pensiero di se’

L’autostima è inutile se si basa su una versione precedente di voi stessi che non esiste più. Una volta ero bravo in matematica, una volta ero bravo a parlare, una volta ero bravo al lavoro. Non dovete fermarvi e dire “ora non sono più in grado di farlo perchè sono invecchiato”. Magari non potrete più esordire in serie A, ma potete sviluppare delle nuove competenze. 

Smettete di confrontarvi con gli altri.

Nulla può ferire la nostra autostima di paragoni sleali. Antonio ha 3.000 amici su Facebook, mentre io ho solo 100. Roberto è più bravo di me a giocare a tennis. Franco ha la casa più bella ed un lavoro migliore.Non facciamo più pensieri del genere perchè l’unica persona con cui competiamo siamo noi stessi.

Questi confronti sono ingiusti, perché non sappiamo veramente come sia la vita dei nostri amici, non sappiamo come vivono realmente, quali siano i loro problemi. Pensiamo che la loro vita sia migliore,  ma potrebbe essere 100 volte peggio di quanto si possa immaginare.

(Visited 220 times, 1 visits today)

Il trattamento laser con la luce pulsata per l’acne

Il trattamento laser con la luce pulsata Ipl (acronino inglese di Intense Pulsed Light) non viene utilizzato solo per l’acne, ma anche per eliminare emangiomi, macchie scure sulla pelle, danni provocati dal sole, per rimuovere tatuaggi ,per la couperose, per la fotoepilazione-eliminazione dei peli, nonchè per la rimozione di piccole cicatrici.

Di cosa si tratta? E’ un laser particolare, non viene utilizzato come in chirurgia per rimuovere tessuti o per eseguire delle incisioni cutanee, che agisce con luce intermittente-pulsata, su diverse lunghezze d’onda (il range varia da 500 a 1200 nanometri), tutte personalizzabili dall’ operatore che interagisce con il macchinario. Il laser tradizionale lavora esclusivamente su una lunghezza d’onda predeterminata e fissa.

lucepulsataacne

Proprio la personalizzazione del laser, impostando anche il ritardo degli impulsi, permette al medico di lavorare meglio, andando profondamente nel derma, eradicando comedoni e pustole alla radice.

Il trattamento con il laser a luce pulsata può essere utilizzato per tutti i tipi di acne, da quello più grave di tipo cistico al più lieve e per tutti i fototipi di pelle (da tipo 1 a tipo 6 riferiti a soggetti con carnagione nera). Generalmente dovrebbero essere sufficienti 4/5 sessioni da effettuare a distanza di 2/3 settimane una dall’ altra (negli adulti le distanze si possono aumentare a 4/6), come consigliato qui nel sito della Palomar, una delle aziende che produce i macchinari per il trattamento luce pulsata.

Di quanti trattamenti c’è bisogno per vedere i risultati

Gli adulti generalmente hanno bisogno di meno sedute rispetto agli adolescenti ma richiedono intervalli tra un trattamento e l’altro più lunghi, anche di 1-3 mesi. Possono pure esserci dei peggioramenti alla fine delle sedute con sviluppi di papule e cisti, a quel punto deve essere variata l’intensità della luce pulsata del laser.

Altre controindicazioni:

leggere scottature e arrossature dopo i trattamenti, specialmente nei fototipi con pelle chiara.
Precauzioni: l’esposizione al sole deve essere evitata durante tutto il periodo della cura, anche successivamente secondo le indicazioni del medico.

laser-ipl-acne

Prezzi

I costi del laser con la luce pulsata vanno dai 100 ai 300 euro a seduta, dipende dall’ estensione della zona da trattare e dal tipo di trattamento.

Domande frequenti

  • Che cos’è esattamente il laser IPL?
  • IPL è la stessa cosa di un laser?
  • Quali sono i fattori di rischio associati ai alla tecnologia IPL?
  • Chi è autorizzato a usare il laser IPL?
  • Il laser ipl fa male alla pelle?
  • Quanti trattamenti sono richiesti?
  • Quanto costa?
  • Cosa devo fare prima di sottopormi a un trattamento laser ipl per l’acne ?
  • Cosa devo fare dopo aver subito un trattamento ipl?
  • Ci sono tempi di inattività dopo aver subito un trattamento IPL?
(Visited 1.772 times, 1 visits today)

Colazioni Body building per Mettere Massa

Quale è la giusta colazione per chi fa body builging? La risposta non è facile perchè dipende da quanto ci si allena, ma se ascoltate le chiacchiere dei body builder vi diranno che generalmente è difficile battere l’accoppiata farina d’avena e proteine ​​in polvere.

Una colazione abbondante (soprattutto quella che contiene una montagna di proteine) ha meno probabilità di essere convertita e conservata come grasso corporeo, mentre i pasti notturni o fatti la sera sono più facilmente immagazzinati come grassi. Quindi, la colazione è il momento giusto in cui puoi e devi mangiare un pasto importante con 40 o 50 grammi di proteine, un sacco di buoni carboidrati e un po ‘di grassi salutari.

colazione per mettere massa

Ora, cosa dovresti mangiare? Se il tuo obiettivo è quello di “mettere massa” è difficile sconfiggere la convenienza della farina d’avena e della polvere proteica. Ecco il mio mix preferito:

Mescolare l’avena vecchio stile fredda (impregnata durante la notte in acqua o latte di mandorle) con due misurini di proteini in polvere . Metti una manciata di noci crude in cima e una manciata di bacche. Veloce e delizioso.

Oh, non ti piace la farina d’avena? Prova i cereali con riso caldo per cucinarla. 

Uova

Le uova sono il cibo preferito per la colazione tra i bodybuilder di tutto il mondo. Il principale beneficio di questo alimento è il loro contenuto proteico, con 6 grammi di proteine ​​per uovo grande. 

Fai bollire le uova, frullale, falle in camicia o fritte in un po ‘di olio di cocco. Se vuoi mettere massa, aggiungi del formaggio o servi le uova con pane tostato o una tortilla integrale. In alternativa, se stai cercando di perdere un po ‘di grasso usa solo albumi per ridurre il contenuto calorico.

Frullati

Quando sei di fretta, a volte vuoi solo una colazione da mangiare in viaggio. Puoi farti un bel frullato. Per prima cosa hai bisogno di ghiaccio – più ne usi, più è densa la tua bevanda. Gli ingredienti :

  • spinaci o sedano
  • un misurino di proteine ​​in polvere
  • Aggiungi un po ‘di liquido – acqua, tè verde, latte, latte di mandorla o caffè
  • completa il tuo frullato con cioccolato fondente, caffè macinato, noci tritate o cocco. Le variazioni sono infinite.

Carne e noci

prova la colazione con carne e noci. Mangiare carne e noci ti fornirà energia e aiuterà a gestire i livelli di insulina, sostiene l’allenatore personale e terapeuta nutrizionale Steve Grant. Prova manzo magro o maiale combinato con mandorle, petto di pollo e macadamia, o carne di cervo accompagnata da anacardi.

 

Colazione ideale per fare body building

  • 12 albumi
  • 1 misurino di proteine
  • 1-1,5 tazze di avena 1-2 cucchiai di burro di mandorle (o burro di noci simile)
  • Bacche 100 g
  • 1000mg curcumina
  • Aggiungo anche il miele o una banana se ho bisogno di più calorie e sono abbastanza magro per gestire gli zuccheri.

Per costruire i muscoli hai bisogno di tutti i gruppi di alimenti e questa colazione copre tutte le tue basi: carboidrati complessi e fibre, due tipi di proteine, due tipi di grassi sani, alcune vitamine e una piccola quantità di zucchero per entrare nel tuo sistema velocemente e innescare un piccolo picco di insulina.

Un’altra colazione per la costruzione muscolare è:

Frittata di 5 uova con spinaci e formaggio Sono uova intere. 
1 tazza di farina d’avena con un po ‘di muesli, mirtilli e un misurino di proteine .

dieta di Christian Thibaudeau 


Dipende dalla tua sensibilità all’insulina, così come da altri fattori come il tempo di allenamento e l’ultimo pasto del giorno prima.

Due dei ragazzi più muscolosi che conosco mangiano molto cibo e carboidrati in generale a colazione. Un mio amico pro IFBB ha due bagel e le sue uova al mattino. Un mio amico forte deve avere 2500 calorie a colazione e include circa 300 grammi di carboidrati di farina d’avena!

Personalmente, se mangio ccosì tanto so che cadrò in un coma insulino-indotto! Per non parlare del fatto che mi alleno molto presto al mattino, quindi mangiare così tanto cibo mi renderebbe impossibile un allenamento decente.

La cosa più importante è avere una fonte di proteine ​​rapidamente assorbite. Le uova (se le tolleri) sono probabilmente la scelta migliore. E hai bisogno di alcuni tuorli per massimizzare la crescita e la salute generale. Se qualcuno sta cercando di ottenere il massimo della massa muscolare, potrebbe andare con 3-5 uova intere. E se si sporgono forse un uovo intero insieme a 6-8 albumi.

Dato che mi alleno molto presto la mattina (mi sveglio alle 4:30 del mattino e mi alleno alle 6:30), voglio qualcosa di facile da digerire. Inoltre non prendo i carboidrati perché avrò carboidrati nella mia bevanda da allenamentoInoltre, ho i carboidrati nel mio ultimo pasto della sera per aiutarmi a rilassarmi e a chiudere il cervello, così le mie riserve di glicogeno non sono vuote al mattino.

Quindi quello che mi piace fare è creare un pancake proteico:

  • 2 uova intere
  • 2-3 albumi d’uovo
  • 1 misurino proteine
  • Cannella (circa 5 g)
  • Bevo anche 12,5 g di bicarbonato di sodio e avrò una piccola quantità di verdure solo per abbassare il carico acido del pasto. Facile da preparare, facile da digerire, ricco di proteine ​​e la cannella aiuta con la sensibilità all’insulina. Se non mi fossi allenato fin da subito, aggiungerei mandorle per ottenere energia più sostenuta.
(Visited 40 times, 1 visits today)

Come rimanere incinta i metodi e gli esami da fare

Diventare madri è il grande sogno di molte donne, ma talora la gravidanza si fa attendere molto e qualche volta tarda ad arrivare.

In generale, ci possono volere anche diversi mesi o anni per restare in stato di gravidanza: la regola base è che se dopo dodici mesi di rapporti sessuali liberi, senza ‘ricercare una gravidanza a tutti i costi’, ancora non si rimane incinta, allora bisognerebbe rivolgersi ad uno specialista. Se si ha più di 36 anni, oppure si hanno subito operazioni o se si hanno avuto malattie che potrebbero condizionare la fertilità, bisogna rivolgersi ad un medico dopo sei mesi di tentativi inutili.

Attenzione, se si hanno rapporti sessuali nei giorni in cui si è fertili ci si può provare tutta la vita ad avere un figlio, perchè non verrà.

LEGGI ANCHE: Muco cervicale , come capire quando si è fertili controllandolo.

Non bisogna mai preoccuparsi da subito: ci sono tantissimi elementi che possono condizionare la fertilità, fra cui stress, ansia, obesità, magrezza eccessiva, stile di vita non consono. Quindi non bisogna mai disperarsi se il bambino non arriva subito: in Italia, bisogna tenere conto, circa il 20% delle coppie ha problemi di fertilità.

rimanere-incinta

Consultarsi con un esperto è semplice e permette di conoscere in modo facile e veloce i giorni fertili per rimanere incinta.

Le principali cause per cui non si riesce a restare incinta possono essere l’età (il periodo più fertile per una donna è fra i 20 ed i 25 anni e rimane alto fino ai 35 anni), i problemi di peso, lo stile di vita, l’inquinamento ambientale ed ovviamente anche il fumo o l’abuso di alcol. L’utilizzo di alcuni farmaci può essere una delle cause che rende difficile rimanere incinta.

 

LEGGI ANCHE: Ovuli secchezza  vaginale , come funzionano e cosa possono fare per dolori durante i rapporti

 

Conoscere nel dettaglio la causa che probabilmente rende difficile concepire un figlio è la cosa migliore da fare per cominciare a lavorarci su, sia che si tratti di un fattore comportamentale o di stile di vita, sia che si tratti di una malattia.

In tutti i casi, parlarne con un esperto chiarisce dubbi e paure che possono essere numerosi.

Inoltre altre ipotesi che il medico può diagnosticare per cui non si resta incinta possono essere l’endometriosi, o le malattie trasmesse per via sessuale.

Come rimanere incinta più facilmente? Fermo restando che se dopo il periodo suddetto non si riesce a restare incinta, bisognerebbe comunque sentire un esperto, ecco qualche tecnica che può aiutare a semplificare l’arrivo della gravidanza.

La prima è quella di tenere alla propria salute. Bisogna tenere d’occhio la massa corporea, mangiare bene, abolire il fumo e cercare di limitare o meglio ancora evitare del tutto l’alcol: l’alcol diminuisce le chance di restare incinta, sia per gli uomini che per le donne.

Lo stress, l’ansia, le condizioni lavorative possono rendere difficile restare incinta: bisogna cercare di concentrarsi sul proprio benessere perché molto dipende anche da questo. Inoltre, bisogna sapere che i lubrificanti sono un grande aiuto a concepire: la secchezza vaginale è un problema che riguarda moltissime donne e usare lubrificanti può aiutare ad agevolare il processo, basta che non si tratti di spermicidi.

Bisogna cercare di concentrare i rapporti sessuali durante i giorni fertili: per capire quali siano, bisogna fare i test di ovulazione che sono utili a comprendere come funziona il proprio personale ciclo di ovulazione, e quindi conoscere quali sono i giorni in cui restare incinta sarà più semplice. Questo può aiutare a restare incinta in modo naturale.

Problemi maschili

le problematiche di una gravidanza che non arriva possono riguardare anche la sfera maschile del partner. Uno sperma forte e sano ha le migliori possibilità di raggiungere un ovulo. Il tuo partner può fare diverse cose per cercare di migliorare la sua fertilità:

  • evitare il fumo.
  • Limitare le bevande alcoliche a non più di tre al giorno.
  • Non essere in sovrappreso
  • Può effettuare uno spermiocitogramma per valutare i parametri chimici dello sperma
  • Assumere zinco, l’acido folico e la vitamina C – che aiutano nella produzione di sperma
  • Non usare vasche idromassaggio e saune o fare bagni caldi perché il calore uccide lo sperma.

Quanto prima il tuo partner apporta questi cambiamenti, meglio è visto che lo sperma impiega un po ‘a maturare, quindi qualsiasi miglioramento ora produrrà campioni di sperma migliori in circa tre mesi.

(Visited 60 times, 1 visits today)

Osteoporosi gli esercizi da fare in casa per chi ne Soffre

Articolo a cura del Dott. Franzese Michele, Ryakos center

L’Osteoporosi è una malattia sistemica a carico dello scheletro, caratterizzata da riduzione della massa ossea associata a deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della fragilità ossea e del rischio di frattura.

Questa patologia colpisce in modo particolare gli anziani e le donne dopo la menopausa, provocando fratture la cui incidenza aumenta con l’età; si è tuttavia compreso, grazie a studi epidemiologici sulla popolazione generale, che la frattura , pur costituendo l’evento finale, non è più inevitabile, essendo stati individuali precisi fattori di rischio da evitare e fattori protettivi da incentivare.

 

FATTORI DI RISCHIO PER L’OSTEOPOROSI

NON MODIFICABILI PARZIALMENTE MODIFICABILI
Sesso Cadute
Età Bassa massa ossea
Menarca Farmaci
Menopausa precoce Immobilizzazione -sedentarietà
Eredità Apporto inadeguato di Calcio e Vit.D
Costituzione Fisica

(basso BMI)

Fumo
Caffeina
Alcool
Sodio nella dieta

L’esame densitometrico consente oggi di misurare, in modo accurato e preciso, la massa ossea ed in particolare la sua densità minerale. Tale indagine costituisce attualmente il mezzo principale di diagnosi di osteoporosi: la relazione tra massa ossea e rischio di frattura, è più forte di quella tra colesterolemia e rischio di malattia coronarica.

La densità minerale giustifica tuttavia solo il 60-80 percento della resistenza meccanica dell’osso , correlata anche alla “qualità”dell’osso stesso e alla sua conformazione geometrica, non rilevabili dalla semplice determinazione della densità.

L’interesse della ricerca è quindi principalmente incentrato sull’epidemiologia delle fratture, che rappresentano un evenienza frequente già dopo i 60 anni e che costituiscono il risultato di un processo, i cui principali determinanti sono la ridotta massa ossea e le cadute.

Le fratture considerate caratteristiche dell’osteoporosi sono la frattura dei corpi vertebrali e dell’avambraccio distale, correlate soprattutto con la perdita di osso trabecolare e la frattura del femore, dovuta alla perdita di osso trabecolare e corticale.

Mentre le fratture di femore e polso sono caratterizzate, sul piano anatomo-patologico, da una rottura dell’osso con linea di frattura, quelle vertebrali sono caratterizzate invece da una più o meno evidente e progressiva deformazione del corpo vertebrale.
Dopo la frattura del femore, la frattura vertebrale rappresenta sicuramente l’evento più grave ed entrambe sono causa di un incremento estremamente rilevante della mortalità.
La sopravvivenza a 5 anni dopo frattura dell’anca è pari all’82°/° di quella attesa, con la massima parte delle morti in eccesso nei primi 6 mesi dall’evento. L’incidenza aumenta in modo esponenziale con l’età in entrambi i sessi e tale frattura rappresenta il fattore che fornisce il contributo più importane alla disabilità associata all’osteoporosi (comparsa di complicanze quali piaghe da decubito, broncopolmoniti, infezioni urinarie).
Anche per le fratture vertebrali, i tassi di incidenza hanno mostrato incrementi di grado variabile, soprattutto nel sesso femminile e nelle età più avanzate.

Meno frequenti e con distribuzione meno correlata alle differenze d’età, sono invece le fratture di Colles o dell’avambraccio distale, con una predominanza nel sesso femminile.
L’incidenza di tali fratture,dopo una fase di incremento, tende a livellarsi a partire dai 65 anni di età.
Le fratture di omero prossimale invece colpiscono le fasce di età più avanzate e in prevalenza soggetti di sesso femminile.

Il dato conclusivo, che riassume con la massima evidenza l’entità del femore,è quindi il seguente: a 50 anni di età, nelle donne, il rischio di subire una frattura da osteoporosi è di oltre il 40 percento . Si tratta quindi di valori di estrema importanza, maggiori anche rispetto a patologie verso le quali vi è più sensibilità sociale, quali per esempio l’ipertensione arteriosa.

GLI ESERCIZI PER L’OSTEOPOROSI

Un programma di esercizi è stato messo a punto e validato da un gruppo di lavoro coordinato dalla dott.ssa. M. Sinaki, uno dei massimi esperti nel campo di riabilitazione e osteoporosi.
Gli esercizi puntano sul rinforzo dei muscoli estensori del rachide, per assicurare un miglior sostegno alla colonna ed evitare l’aggravarsi della cifosi dorsale e all’allungamento dei muscoli pettorali per aumentare la capacità toracica.

Infatti tutti gli esercizi di estensione sono abbinati ad atti respiratori profondi. Particolari esercizi isometrici sono proposti ai pazienti portatori di tutori o nei casi di riacutizzazione del dolore che non permetta il normale programma previsto.

Foto degli esercizi da effettuare in casa per chi soffre di osteoporosi

(Visited 146 times, 1 visits today)

Gastrite Cause Sintomi e Medicinali per eliminarla

La gastrite è un’infiammazione del rivestimento dello stomaco, ovvero della mucosa gastrica. Il più delle volte la causa principale è l’infezione dovuta al batterio Helicobacter pylori , che causa anche ulcere allo stomaco.

Anche l’uso prolungato di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, può  causare la gastrite. In alcuni casi, il rivestimento dello stomaco può essere “corroso”, portando a piaghe (ulcere peptiche) nello stomaco o nella prima parte dell’intestino tenue. La gastrite può manifestarsi improvvisamente (gastrite acuta) o gradualmente (gastrite cronica). Nella maggior parte dei casi, la  non danneggia permanentemente il rivestimento dello stomaco.

Sintomi

I sintomi più comuni della gastrite sono il mal di stomaco- Altri possibili sintomi includono:

  • Indigestione (dispepsia)
  • Bruciore di stomaco
  • Dolore addominale
  • singhiozzo
  • Perdita di appetito
  • Nausea
  • Vomito

Le cause

La gastrite può essere causata da infezione, irritazione, malattie autoimmuni (in cui il sistema immunitario attacca erroneamente lo stomaco) o reflusso della bile nello stomaco (reflusso biliare). La gastrite può anche essere causata da una malattia del sangue chiamata anemia perniciosa.

Le infezioni possono essere causate da:

  • Batteri (di solito Helicobacter pylori )
  • Virus (incluso virus herpes simplex)
  • Parassiti
  • Fungo

Un certo numero di elementi uò causare irritazione, tra cui:

  • Uso a lungo termine dei FANS, come l’ ibuprofene o il  naproxen .
  • Uso di alcol
  • Fumo
  • vomito cronico
  • caffè e bevande acide
  • stress
  • ingerire sostanze caustiche o corrosive
  • Traumi (ad esempio trattamenti radianti o ingestione di un oggetto estraneo)

Altre cause di gastrite sono molto rare. Queste includono:

  • Malattia sistemica (ad esempio, malattia di Crohn)
  • sarcoidosi

Fattori di rischio

  • Infezione con Helicobacter pylori
  • Aids
  • Qualsiasi condizione patologica che richiede sollievo dal dolore cronico usando farmaci FANS, come ad esempio la lombalgia cronica, fibromialgia o l’artrite
  • Alcolismo
  • fumo
  • Età avanzata
  • Herpes simplex virus o citomegalovirus
  • Malattia infiammatoria intestinale

Diagnosi

Diversi test possono essere utilizzati per fare una diagnosi. C’è l’endoscopia dello stomaco, in cui un tubo sottile con una luce e una fotocamera all’estremità viene inserito nella gola e va giu’ fino allo stomaco. Ciò consente al medico di vedere la situazione nello stomaco e prendere campioni (biopsia) del rivestimento, se necessario.

Gli esami di laboratorio di cui potresti aver bisogno dipenderanno dalla causa della tua gastrite. Il medico può utilizzare un test delle feci per verificare la presenza di sangue, oppure il medico può prelevare un campione di tessuto dall’esofago o dallo stomaco. Un test del respiro o una biopsia possono rilevare l’elicobatterio. Possiamo farlo anche in casa da soli, il tester lo troviamo in vendita a meno di 10 euro.

gastrite

Prevenzione

Innanzitutto ci vuole un cambiamento nello stile di vita, ad esempio evitare l’uso a lungo termine di alcol, farmaci FANS, caffè e droghe. Anche la riduzione dello stress attraverso tecniche di rilassamento, tra cui yoga, tai chi e meditazione, può essere utile.

Il trattamento della gastrite dipende dalla causa del problema. Alcuni casi di gastrite possono risolversi da soli nel tempo o comunque il dolore migliorare quando si smette di bere alcolici, fumare sigarette o assumere FANS. Potrebbe essere necessario cambiare la dieta.

 

Medicinali gastrite

Una volta accertato che nel vostro corpo è presente il batterio responsabile della gastrite ci sarà bisogno di antibiotici.

I medici usano comunemente la “tripla terapia” per trattare la gastrite e le ulcere dovute ai batteri ovvero un inibitore della pompa protonica (Pantoprazolo e Lansoprazolo) per ridurre la produzione di acido e due antibiotici (amoxicillina
metronidazolo). Il bismuto salicilato (pepto Bismol) deve essere usato per proteggere e lenire la mucosa dello stomaco, proteggendola dagli effetti dannosi dell’acido.

antiacidi

Disponibili da banco, possono alleviare il bruciore dello stomaco o l’ indigestione ma non curano un’ulcera. Gli antiacidi possono bloccare l’assunzione di farmaci e quindi diminuire l’efficacia del medicinale. I medici raccomandano di prendere antiacidi almeno 1 ora prima o 2 ore dopo l’assunzione di farmaci. Gli antiacidi includono:

  • Idrossido di alluminio
  • Idrossido di magnesio
  • Idrossido di alluminio e di magnesio (Maalox)
  • Carbonato di calcio
  • Bicarbonato di sodio (Alka-Seltzer)

Per ridurre la secrezione acida gastrica abbiamo a disposizione la:

  • Cimetidina
  • Ranitidina
  • Nizatidina
  • Famotidina
  • Inibitori della pompa protonica – IPP

Per Diminuire la produzione di acido gastrico:

  • Esomeprazolo
  • Lansoprazolo
  • Omeprazolo
  • Pantoprazolo
  • Integratori alimentari

La dieta

per evitare la gastrite, se non dovuta da batterio mangiate cibi ricchi di antiossidanti, inclusi frutta (come mirtilli, ciliegie e pomodori) e verdure (come zucchine e peperoni).

Mangiare cibi ricchi di vitamine del gruppo B e di calcio, come mandorle, fagioli, cereali integrali (se non sono allergici), verdure a foglia verde scure (come spinaci e cavoli) .

Evita cibi raffinati, come pane bianco, pasta e zucchero. Sì alla carne magra, pesce d’acqua fredda, tofu (soia) o fagioli per assumere proteine. Usare l’olio d’oliva.

Ridurre o eliminare gli acidi grassi trans, presenti in prodotti commercialmente cotti, come biscotti, cracker, torte, patatine fritte, anelli di cipolla, ciambelle, cibi lavorati e margarina.

Evitare le bevande che possono irritare il rivestimento dello stomaco o aumentare la produzione di acido tra cui caffè (con o senza caffeina), alcol e bevande gassate. Bere circa 1,5 litri di acqua al giorno.

Possiamo aiutarci anche assumendo :

  • un multivitaminico quotidianamente , contenente le vitamine antiossidanti A, C, E, le vitamine del gruppo B e tracce di minerali, come magnesio, calcio, zinco e selenio.
  • acidi grassi omega-3 , come l’olio di pesce, possono aiutare a ridurre l’infiammazione. L’olio di pesce può aumentare il rischio di sanguinamento. Se prende l’aspirina o altri anticoagulanti (fluidificanti del sangue), parlate con il medico prima.
  • Integratore probiotico (contenente Lactobacillus acidophilus ). I probiotici o batteri “amici” possono aiutare a mantenere un equilibrio nel sistema digestivo tra batteri buoni e nocivi, come H. pylori . I probiotici possono aiutare a sopprimere l’ infezione da H. pylori e possono anche aiutare a ridurre gli effetti collaterali dell’assunzione di antibiotici, il trattamento per un’infezione da H. pylori . Alcuni integratori probiotici devono essere refrigerati per ottenere i migliori risultati. Le persone che hanno indebolito il sistema immunitario, o che stanno assumendo farmaci immunosoppressivi, dovrebbero prendere i probiotici solo sotto la direzione del loro medico.
  • La vitamina C . Gli studi dimostrano che le dosi farmacologiche di vitamina C possono migliorare l’efficacia della terapia nell’eradicazione dell’ elicobatterio.

Rimedi naturali

È possibile utilizzare le erbe come estratti secchi (capsule, polveri o tè), gliceriti (estratti di glicerina) o tinture (estratti di alcool). Le erbe possono interagire con farmaci o altri integratori e alcune erbe potrebbero non essere appropriate per le persone con determinate condizioni mediche.

Mirtillo rosso : alcune ricerche preliminari suggeriscono che il mirtillo possa inibire la crescita di Helicobacter pylori nello stomaco. Evita l’estratto di mirtillo se hai un’allergia all’aspirina. Il mirtillo rosso può aumentare il rischio di sanguinamento nelle persone che assumono farmaci che fluidificano il sanguei.

Pistacia lentiscus mastice. Il mastice è un trattamento tradizionale per le ulcere peptiche e inibisce il batterio in provetta. L’ estratto standardizzato di radice di liquirizia ( Glycyrrhiza glabra ), masticata 1 ora prima o 2 ore dopo i pasti, può aiutare a proteggere dai danni allo stomaco causati dai FANS. La glicirrizina è una sostanza chimica presente nella liquirizia che causa effetti collaterali e interazioni farmacologiche.

Menta piperita. Può aiutare ad alleviare i sintomi dell’ulcera peptica. Ogni compressa contiene 0,2 ml di olio di menta piperita. Assicurarsi di utilizzare la forma con rivestimento enterico per evitare il bruciore di stomaco. La menta piperita può potenzialmente interagire con una varietà di farmaci e può essere tossica a dosi elevate.

Omeopatia

Sebbene pochi studi abbiano esaminato l’efficacia di specifiche terapie omeopatiche, gli omeopati professionisti possono prendere in considerazione i seguenti rimedi per il trattamento dei sintomi della gastrite (come nausea e vomito) in base alla loro conoscenza ed esperienza. Prima di prescrivere un rimedio, gli omeopati tengono conto della tua costituzione, include il tuo aspetto fisico, emotivo e psicologico. Un omeopata esperto valuta tutti questi fattori quando determina il trattamento più appropriato.

Pulsatilla . Per il bruciore di stomaco, nausea, un cattivo gusto in bocca causato mangiando cibi e grassi ricchi (in particolare il gelato); i sintomi possono includere vomitare cibo parzialmente digerito. Questo rimedio è più appropriato per qualcuno la cui lingua è ricoperta da una sostanza bianca o gialla.
Ipecacuanha . Per nausea persistente e grave, con o senza vomito e diarrea, causata da un eccesso di cibi ricchi o grassi.

Carbo vegetabilis . Per gonfiore e indigestione, soprattutto con flatulenza e stanchezza.
Nux vomica . Per bruciore di stomaco, nausea, conati di vomito senza vomito e rutti acidi causati da eccesso di cibo, uso di alcool o bere caffè. Questo rimedio è più appropriato per le persone che si sentono irritabili e sensibili al rumore e alla luce.

Agopuntura:  può aiutare a ridurre lo stress e migliorare la funzione digestiva complessiva.

 

(Visited 258 times, 1 visits today)
1 2 3 4 24