Diverticolite sintomi Cause e Trattamento Definitivo

La diverticolite , in particolare la diverticolite del colon , è una malattia gastrointestinale caratterizzata dall’infiammazione di sacchetti anormali – diverticoli – che possono svilupparsi nella parete dell’intestino crasso .

Diverticolite o diverticolosi

La chiamiamo diverticolosi quando sono presenti diverticoli nel colon non associati a infiammazione né ad altri sintomi. Questa condizione interessa almeno il 10% della popolazione dopo i 40 anni; colpisce invece il 30-40% della popolazione con piu’ di 60. Se i diverticoli si infiammano si instaura la diverticolite e si accusano dolori. La diverticolite è più rara e interessa il 2-3% di chi è affetto da diverticoli.

Sintomi Diverticolite

I sintomi in genere includono dolore addominale inferiore di insorgenza improvvisa, ma l’insorgenza può verificarsi anche in pochi giorni. Nel Nord America e in Europa il dolore addominale è di solito nella parte inferiore sinistra (colon sigmoideo), mentre in Asia è di solito nella destra (colon ascendente). Potrebbero essere presenti anche sintomi come nausea, diarrea o costipazione, ma anche un dolore addominale che si irradia anche alla schiena. Febbre o sangue nelle feci suggeriscono una complicazione.

I pazienti con complicanze della diverticolite possono presentare sintomi più cronici o a lungo termine. Feci sottili o costipazione possono indicare la formazione di una stenosi. L’urina scura e torbida o l’aria che passa nell’urina possono indicare la formazione di una fistola alla vescica.

diverticolite

Diagnosi

La malattia diverticolare e le sue complicanze sono spesso diagnosticate con una storia e un esame fisico, spesso con l’aiuto di test diagnostici. Sintomi come dolore addominale e tenerezza sono comuni a molte malattie che coinvolgono diversi sistemi di organi come malattie dell’appendice, della cistifellea, dello stomaco, dell’intestino tenue, delle ovaie, dell’utero, della prostata e della vescica. Una storia accurata e fisica può aiutare a restringere la diagnosi o eliminare altre diagnosi.

I test più comuni per aiutare a fare la diagnosi della diverticolite e delle sue complicanze sono esami del sangue, esami delle urine, ecografia addominale e una TAC dell’addome e del bacino. Una TAC è considerata il “gold standard” per la diagnosi della diverticolite, come si vede facilmente con questo tipo di radiografia. Può mostrare quale parte del colon è coinvolta e se c’è qualche segno di ascesso, stenosi o fistola. Un elevato numero di globuli bianchi può indicare la presenza di infezione. Un’analisi e una cultura dell’urina possono rilevare un’infezione del tratto urinario, sollevando il sospetto di una fistola dal colon alla vescica, poiché l’urina verrebbe contaminata con le feci del colon.

Cause Diverticolite

La causa esatta della diverticolosi non è nota. La teoria più comunemente accettata è che basse quantità di fibre nella dieta di una persona possono far sì che le feci diventino relativamente secche, costringendo il colon a creare alte pressioni per spostare le feci. Queste alte pressioni fanno sporgere il punto più debole della parete del colon.

Pertanto, i diverticoli tendono a formarsi nel colon sigmoideo, specialmente nei punti in cui i vasi sanguigni penetrano nella parete del colon. Insieme alla formazione di sacche, i muscoli della parete del colon possono ingrandirsi mentre si muove lungo le feci secche.

La diverticolosi è molto comune. La proporzione della popolazione con diverticolosi aumenta con l’età. È raro che le persone di età inferiore ai 30 anni abbiano la diverticolosi. Circa il 30-40% delle persone di età pari o superiore a 60 anni presenta diverticolosi. Tra il 50-80% delle persone di età compresa tra 80 e 80 anni ha la diverticolosi.

La maggior parte delle persone con diverticolosi non presenta sintomi. In effetti, solo il 10-20% delle persone con diverticolosi svilupperà sintomi. Delle persone che sviluppano sintomi dalla loro diverticolosi, solo il 10-20% di queste persone avrà bisogno di essere ricoverato in ospedale. Di tutte le persone che hanno la diverticolosi, solo circa l’1% richiederà un intervento chirurgico.

La complicazione più comune della diverticolosi è la diverticolite. La diverticolite è una condizione infiammatoria del colon che si pensa sia causata dalla perforazione di una delle singole sacche. Si stima che il 10-20% delle persone con diverticolosi svilupperà diverticolite. I sintomi più comuni della diverticolite sono dolore addominale o pelvico, dolorabilità addominale e febbre chiamata diverticolite semplice.

Fattori di rischio diverticolite

Un fattore di rischio è qualcosa che aumenta le possibilità di una persona di contrarre una malattia o un problema. Esistono molti fattori di rischio per la malattia diverticolare tra cui:

  • Dieta a basso contenuto di fibre. Le diete povere di fibre, frutta e verdura e ricche di carne rossa sono fattori di rischio per lo sviluppo di malattie diverticolari. Una dieta come questa può aumentare il rischio di tre volte. L’aggiunta di fibre alla dieta può aiutare a proteggere il colon dalla malattia diverticolare. Negli anni passati ai pazienti con diverticolosi fu detto di evitare noci, semi e popcorn, poiché si riteneva che ciò potesse aumentare il rischio di un attacco di diverticolite. Studi più recenti che hanno esaminato questa raccomandazione non l’hanno trovata vero.
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). L’uso di FANS come l’ibuprofene per condizioni come l’artrite è stato associato a complicanze della diverticolosi.
  • Stato immunitario. I pazienti i cui sistemi immunitari sono soppressi da farmaci come steroidi o farmaci anti-rigetto per un organo trapiantato sono a rischio di complicanze più gravi come la perforazione del colon.
  • Alcol. Un consumo eccessivo di alcol può aumentare il rischio di diverticolite di 2-3 volte rispetto alla popolazione generale.
  • Età e sesso. Non è chiaro fino a che punto età e genere siano un fattore di rischio per complicanze dovute alla diverticolosi. Le donne tendono ad avere complicazioni da diverticolosi più tardi nella vita rispetto agli uomini. Una volta si pensava che i pazienti che avevano un attacco di diverticolite prima dei 50 anni avessero una forma più virulenta della malattia, ma questo non sembra essere il caso, dopo aver analizzato migliaia di casi in letteratura.

Complicazioni diverticolite

Ci possono essere diverse complicazioni secondarie di un attacco di diverticolite. Quando si forma una complicazione secondaria da un attacco di diverticolite, si chiama diverticolite complicata. Queste complicanze comprendono la formazione di ascessi e la perforazione del colon con peritonite. Un ascesso è una tasca di pus . La peritonite è un’infezione che si diffonde liberamente nell’addome. In questi casi è necessario un intervento chirurgico di emergenza e la creazione di una colostomia. Diversi studi hanno dimostrato che la stragrande maggioranza dei pazienti in cui ciò accade non ha mai avuto sintomi precedenti dai loro diverticoli.

La diverticolite complicata è spesso classificata su una scala chiamata classificazione di Hinchey. Hinchey 1 si riferisce alla presenza di un ascesso vicino al segmento infiammato del colon. Hinchey 2 è la presenza di un ascesso all’interno del bacino che è separato dal segmento infiammato del colon. Hinchey 3 si riferisce a una perforazione del colon che provoca la diffusione dell’infezione nell’addome (peritonite). Hinchey 4 si riferisce alla perforazione del colon con conseguente fuoriuscita di feci all’interno dell’addome.

Altre complicanze della diverticolosi includono sanguinamento, formazione di un restringimento del colon che non consente facilmente il passaggio delle feci (chiamato stenosi) o formazione di un tratto ad un altro organo o pelle (chiamato fistola). Quando si forma una fistola questa collega più comunemente il colon alla vescica. Può anche collegare il colon alla pelle, all’utero, alla vagina o ad un’altra porzione dell’intestino.

La diverticolite cronica è la condizione in cui i pazienti possono avere attacchi ripetuti di diverticolite o possono avere un decorso prolungato di un singolo attacco di diverticolite. La diverticolite cronica si riferisce anche alle complicazioni che derivano da attacchi ripetuti di diverticolite come stenosi e fistole.

Infine, le sacche diverticolari possono sanguinare. Il sanguinamento può essere minore sotto forma di una piccola quantità di sangue rosso mescolato con le feci durante un attacco di diverticolite. Il sanguinamento può anche essere grave, con il passaggio di grumi di sangue scuri che possono verificarsi o meno durante un attacco di diverticolite.

La maggior parte dei casi di sanguinamento si fermerà con cure di supporto in ospedale o con tecniche minimamente invasive come l’angiografia o la colonscopia. L’angiografia è una tecnica in cui un filo viene fatto avanzare attraverso i vasi sanguigni per iniettare sostanze sotto la guida dei raggi X per fermare l’emorragia. Per emorragie non controllate o in corso, può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere parte o l’intero colon.

Trattamento

La malattia diverticolare può svilupparsi in molte forme e in vari gradi di gravità. Come prevedibile, non esiste un miglior trattamento per tutte le forme di malattia diverticolare. La seguente discussione tenterà di descrivere vari trattamenti comuni per diverse forme di malattia diverticolare.

La maggior parte delle persone con diverticolosi non avrà mai problemi. Ai pazienti a cui viene diagnosticata la diverticolosi in una colonscopia di routine o con altri test e che non presentano sintomi di diverticolite, si consiglia di considerare di aumentare la fibra nella dieta. Sebbene la quantità ideale di fibra per ridurre gli attacchi di diverticolite o altri problemi dovuti alla diverticolosi non sia nota, si raccomanda generalmente che le persone con diverticolosi consumino circa 20-30 grammi di fibre al giorno.

Quando si discute delle opzioni di trattamento per la diverticolite, è conveniente separare queste opzioni di trattamento in due categorie:

  • trattamento per la diverticolite acuta
  • trattamento per la diverticolite cronica. I

 

l trattamento per la diverticolite acuta prevede il trattamento di un nuovo attacco in corso di diverticolite. La maggior parte dei pazienti con un attacco acuto di diverticolite troverà sollievo con antibiotici e cambiamenti temporanei nella dieta. La maggior parte di questi pazienti non richiederà ricovero in ospedale. I pazienti senza febbre significativa o variazioni della frequenza cardiaca o della pressione sanguigna che possono tollerare l’assunzione di liquidi orali possono essere trattati con antibiotici per via orale e restrizione della dieta a una dieta a basso contenuto di fibre o liquidi solo fino alla risoluzione dell’attacco.

I pazienti che presentano segni di un attacco più grave, come un elevato numero di globuli bianchi, febbre alta, variazioni della frequenza cardiaca o della pressione sanguigna o pazienti che non migliorano con gli antibiotici orali, dovranno essere ricoverati in ospedale per l’idratazione e antibiotici per via endovenosa. Il medico raccomanderà spesso una colonscopia 4-6 settimane dopo il recupero da un attacco iniziale di diverticolite per assicurarsi che non vi sia un’altra causa per la sua recente malattia (cancro o altre condizioni infiammatorie del colon).

(Visited 8 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *