Malattia da reflusso gastroesofageo Esami e Rimedi

reflusso gastricoLe donne presentano maggiori problemi rispetto agli uomini circa i problemi digestivi , tra questi ad esempio la sindrome del colon irritabile e la malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) . Gli ormoni femminili predispongono anche ad altri potenziali problemi di digestione .

È molto probabile che in corrispondenza del ciclo mestruale, prima o dopo, vi sentirete stanche, con l’addome gonfio e di umore irritabile. Questi cambiamenti , così come quelli che si verificano durante la gravidanza e la menopausa , sono il risultato della continua evoluzione degli ormoni femminili, l’ estrogeno ed il progesterone . Le variazioni di questi ormoni possono influenzare anche la digestione . Quindi , se avete problemi in tal senso, per i quali non avete ancora trovato spiegazioni , oggi cercheremo di capirne il perchè.

Ogni mese il corpo di una donna si prepara per una possibile gravidanza . Un ovulo viene rilasciato da una delle ovaie , ed il rivestimento dell’utero inizia ad addensarsi . Nel caso in cui l’ovulo è fecondato si rimane incinta. Questo processo è orchestrato da un complesso di bilanciamento di estrogeni e progesterone . Se l’ovulo non viene fecondato il corpo subisce quindi un processo diverso di cambiamenti ormonali.

Malattia da reflusso gastroesofageo e bruciore di stomaco
Uno delle più significative conseguenze digestive del ciclo mestruale ciclo è un aumento del rilassamento dello sfintere gastroesofageo . La fascia circolare del muscolo chiamato sfintere gastroesofageo controlla la ” porta ” tra il vostro stomaco e l’esofago ( il tubo che collega la bocca e stomaco) . Quando questo muscolo si rilassa in modo inappropriato , ad esempio dopo un pasto , potrebbe esserci un reflusso, ovvero del cibo che risale su. Ciò causa bruciore di stomaco .

Malattia da reflusso gastroesofageo cosa fare

Innanzitutto bisogna farsi delle domande. Quando si presenta questo sintomo? Dopo un pasto ? Quanto tempo dopo ? C’è una correlazione con eventuali alimenti o bevande ? E relativo ad alcuni comportamenti come il sollevamento di carichi pesanti o il chinarsi ? Queste informazioni saranno utili quando ci si incontra con il vostro medico .

  • Se di recente avete guadagnato peso , anche meno di dieci chili, adottare misure per perderli . I chili in più contribuiscono ad aumentare la pressione sullo stomaco facendo crescere la probabilità di reflusso . 
  • Parlate con il vostro medico circa eventuali farmaci che state assumendo: diverse medicine possono infatti causare o aumentare il reflusso gastrico. 
  • Evitare di mangiare o bere per 3-4 ore prima di coricarsi. Stare sdraiati prima che il vostro stomaco si è svuotato può causare reflusso, perché il vostro stomaco può ancora contenere cibi parzialmente digeriti
  • Non fumare , specie dopo mangiato.
  • Evitare di indossare indumenti stretti che mettono pressione allo stomaco .
  • Come detto non sollevare carichi pesanti che mettono sotto pressione lo sfintere esofageo
  • Durante la notte, quando dormite, è utile tenere leggermente alzati testa, torace e  stomaco. La forza di gravità impedisce al cibo di tornare su. E’ sufficiente utilizzare un cuscino alto 3-4 cm.
  • La posizione in cui si dorme può anche fare la differenza . Sdraiato sul lato sinistro mantenete il vostro stomaco in una posizione che diminuisce la probabilità di reflusso.
  • Cambiate alimentazione evitando alcool e cibi come yogurt , latte , gelato, e frullati . Si potrebbe anche provare purè di patate , creme , e dolci di gelatina , che sono esempi di alimenti che possono essere meglio tollerati . Evitare formaggi stagionati e alimenti piccanti.

Gli esami per il Reflusso Gastrico

Il medico può decidere di fare qualche esame diagnostico. Ci sono quattro test che vengono generalmente utilizzati :

  • Inibitore della pompa protonica . Un inibitore della pompa protonica è un tipo di farmaco che intercetta il passaggio finale della produzione di acido dallo stomaco bloccando il percorso attraverso il quale speciali cellule del stomaco ( cellule parietali ) producono acido . Tale procedura comporta 2-4 settimane di somministrazione di un farmaco a base di omeprazolo . Se porta al netto miglioramento serve sia come test diagnostico che per un trattamento appropriato .
  • Endoscopia e biopsia dell’esofago . Questa procedura è consigliato se sono presenti ancora i sintomi dopo il trattamento di prima. Si inserisce un tubo che passa attraverso la bocca per esaminare l’esofago , stomaco , e il piccolo intestino superiore, ciò fornisce uno sguardo diretto dell’apparato .
  • Raggi X nella parte superiore gastrointestinale. Questi strumenti diagnostici sono stati in gran parte sostituiti dall’ endoscopia quando è disponibile . In talune circostanze, tuttavia , i raggi X possono fornire ulteriori utili informazioni al tuo medico .
  • Studio del pH esofageo, phmetria di 24 ore . Se i sintomi del MRGE persistono nonostante il trattamento , questa procedura può determinare se si sta verificando reflusso acido. Il test consiste nel posizionare, attraverso il naso, un elettrodo che rileva il pH circa 5 cm sopra lo sfintere esofageo inferiore ( localizzato prima attraverso la manometria): il pH endoesofageo viene quindi registrato continuamente per 24 ore su un apparecchietto computerizzato portatile.
  • Test del respiro per verificare la presenza di Elicobatterio in caso di gastrite.
(Visited 2.800 times, 1 visits today)