Psicomotricità per i Bambini perchè è utile come Funziona

La psicomotricità è un metodo terapeutico destinato a bambini, adolescenti e adulti con difficoltà motorie, comportamentali, relazionali o emotive. Studia le interazioni tra percezione, sentimenti, pensiero, movimento e comportamento.

Osserva come queste interazioni si manifestano a livello corporeo e influenzano il movimento. Il corpo in movimento costituisce quindi la base del lavoro di psicomotricità. Al di là del corpo, la psicomotricità considera la persona nel suo insieme, vale a dire tiene conto anche della vita psichica di questa e del suo ambiente fisico, sociale e culturale.

Che cos’è la psicomotricità

La psicomotricità è una funzione dell’essere umano che integra la psiche e la motricità per adattarsi al suo ambiente. Il terapista psicomotorio ha quindi una visione olistica delle interazioni tra:

  • La psiche (emozioni, immaginazione, cognizione) e le capacità motorie (movimenti, tono, posture)
  • L’individuo e il mondo esterno

Infine, la psicomotricità è una tecnica che utilizza il corpo, lo spazio e il tempo , il cui obiettivo è quello di permettere alla persona di sperimentare il proprio corpo e il proprio ambiente immediato per poter agire in modo appropriato.

psicomotricita

Psicomotricità a cosa serve

La psicomotricità aiuta a sviluppare

  • capacità motorie
  • autonomia
  • abilità sociali
  • fiducia in se stessi e negli altri
  • gestire le emozioni,
  • restituisce il piacere di essere in movimento.

La psicomotricità stimola le risorse di una persona, portandola a conoscersi meglio e a trovare in sé la chiave del proprio sviluppo. Migliora l’equilibrio tra corpo e mente e contribuisce così al benessere fisico, psichico e sociale dell’individuo.

Quando implementate come misura preventiva, le capacità psicomotorie migliorano anche la qualità della vita degli individui e prevengono i ritardi nello sviluppo sin dalla tenera età.

Psicomotricità per chi è utile

La psicomotricità funzionale mira ad un obiettivo preciso e ad una progressione determinata, scandita da obiettivi a breve, medio e lungo termine .

È apprezzata, ad esempio, negli interventi con bambini con ritardi nello sviluppo, con disturbi della prassi o in ambienti scolastici.

Infatti, l’approccio per obiettivi a breve, medio e lungo termine consente una buona oggettivazione del progresso del bambino. Gli obiettivi sono determinati dal terapista psicomotorio dopo aver valutato il livello del bambino.

Tutto l’apprendimento implica la sperimentazione , che nel caso dei bambini coinvolge il corpo nel suo insieme. L’azione psicomotoria punterà ad un distacco del vissuto , del concreto, a favore di una rappresentazione astratta. Per fare questo, il terapista psicomotorio lavorerà su tre livelli: il vissuto, il manipolato, il rappresentato.

Come funziona la terapia

In termini di psicomotricità, esistono diversi metodi di pratica a seconda delle esigenze dei pazienti e dei luoghi.

Educazione-prevenzione psicomotoria.

È destinata a bambini “sani”, cioè che non presentano alcun disturbo o patologia particolare. Questo approccio offre supporto, un piccolo impulso, al normale sviluppo psicomotorio. In alcune nazioni tutti i bambini beneficiano di questo tipo di sessioni nella scuola materna. Ci sono anche terapisti psicomotori che vanno negli asili nido o che offrono questo tipo di seduta in privato.

Quando ci sono uno o più disturbi psicomotori isolati o associati a una specifica patologia, entriamo nel quadro dell’assistenza psicomotoria.

Nella riabilitazione psicomotoria si tratterà di recuperare una funzione psicomotoria carente al fine di favorire un migliore adattamento della persona. In terapia si tratterà di riarmonizzare l’equilibrio psico-corporeo della persona. Il disturbo psicomotorio è considerato l’espressione del malessere globale. In pratica, questi due approcci (riabilitazione o terapia) sono complementari e distinguerli non ha più senso. Si parlerà quindi piuttosto di cure psicomotorie.

Esempio pratico di una seduta di psicomotricità:

Tema: nozioni spaziali, distinzione destra / sinistra

  • Livello esperto : chiedi al bambino di calciare un pallone con il piede destro; stare a destra o sinistra di un oggetto, spostarsi lateralmente da destra a sinistra e viceversa.
  • Livello manipolato : sul tavolo si gioca a posare le posate mettendo sempre i coltelli a destra e le forchette a sinistra, mettendo i palloncini a volte nella cassa di destra, a volte in quella di sinistra.
  • Livello dimostrativo : chiedi al bambino di disegnare un’immagine, seguendo alcune istruzioni. ad esempio che il sole sia in alto a destra. L’uomo sia in basso a sinistra ecc.

La psicomotricità relazionale si ispira alla psicoanalisi e considera che il bambino mette in scena fantasie d’azione.

Queste scene provengono dalle esperienze corporee condivise tra il bambino e sua madre. Il ruolo del terapista psicomotorio è quello di permettere che si esprima attraverso lo sviluppo di uno spazio molto particolare e attraverso una presenza unica.

La psicomotricità relazionale si concentra maggiormente sugli aspetti emotivi e sulla maturazione affettiva.

Tuttavia, le fasi della seduta sono le stesse: il bambino passa dai giochi motori (salto, corsa, oscillazione), ai giochi simbolici e infine alla manipolazione (plastilina, costruzioni) e alla rappresentazione (disegno e verbalizzazione di ciò che è stato riprodotto). Il terapista psicomotorio, qui, cercherà di cogliere la dinamica psichica dietro il gioco del bambino.

Così facendo, deduce quali sono i suoi bisogni, come può arricchire il suo gioco, aiutarlo a superare l’ansia, rassicurarlo o contenerlo. Il materiale scelto e la disposizione dello spazio sono molto importanti:

  • Gli spazi per i giochi di motori e l’espressione grafica / plastica sono molto distinti
  • Il materiale per i giochi simbolici è neutro (tessuti, tubi di schiuma, corde, ecc.) Per incoraggiare il bambino a essere creativo
  • Il bambino deve rispettare tre regole ripetute prima dell’inizio del gioco: rispetto per se stessi, per gli altri (quando applicabile) e non rompere le costruzioni degli altri bambini.

I due approcci non si escludono assolutamente a vicenda. Il tipo di approccio dipenderà essenzialmente dalla sensibilità del terapista psicomotorio, dalla sua formazione e dalla problematica che gli viene proposta.

La psicomotricità arricchisce la pratica clinica attraverso la visione olistica che offre e la parte attiva del bambino nel processo.

Si può così intervenire in modo mirato su un problema particolare (disturbo della coordinazione, equilibrio, concentrazione) o intervenire su problemi più emotivi (ansia, inibizione, mancanza di fiducia in se stessi).

(Visited 30 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *