Alopecia Androgenetica Cause e trattamento

L’alopecia androgenetica è la principale causa, genetica, della caduta dei capelli, temutissima soprattutto dagli uomini. Dal momento in cui nasci è scritto nei tuoi geni che i tuoi capelli cadranno.

L’importante è che ti accorga di quando questo tipo di alopecia inizia a manifestarsi. In una fase iniziale si può “arrestare” o “normalizzare” con il trattamento appropriato. Quando è già grave, puoi valutare l’opzione dell’innesto di capelli. Spiegheremo i sintomi, le cause e  vari stadi dell’ alopecia androgenetica.

Perché compare l’alopecia androgenetica maschile

Quando osserviamo l’alopecia maschile, vediamo che segue schemi caratteristici. È causata da fattori genetici e dall’azione di alcuni ormoni sul follicolo pilifero.

Il diidrotestosterone svolge un ruolo cruciale nella genesi di questo disturbo . Questo ormone è derivato dal testosterone dall’azione dell’enzima 5-α-reduttasi.

Questo enzima si trova in vari organi, come il fegato, il sistema genito-urinario maschile e all’interno dei follicoli piliferi. Ci sono prove che l’ alopecia non si verifica negli uomini con una carenza di questo enzima . La calvizie maschile è data dalla presenza di recettori per l’enzima nei follicoli piliferi della regione frontale e parietale del cuoio capelluto.

L’alopecia è anche legata ad alcune malattie croniche, come il diabete, l’insulino-resistenza e la sindrome metabolica. Sappiamo che quelli con calvizie maschile hanno anche un rischio maggiore di cancro alla prostata.

 

Come si può evolvere l’alopecia androgenetica negli uomini?

L’ alopecia androgenetica maschile è il tipo non cicatriziale più comune e colpisce il 45% degli uomini. Vediamo che i capelli cominciano a diventare sottili, despigmentati e la crescita rallenta fino a fermarsi definitivamente. Tuttavia, in molti casi i follicoli piliferi sono funzionalmente recuperabili .

Tra i trattamenti medici efficaci e scientificamente provati c’è l’ applicazione intradermica di varie sostanze con cui regoliamo la pigmentazione e la crescita, generando capelli più folti e vitali. Possono essere risolti anche altri disturbi del cuoio capelluto che possono accompagnare l’ alopecia , come l’eccessiva secrezione di sebo o la comparsa di forfora.

Come si manifesta la calvizie negli uomini?

L’aspetto più frequente dell’alopecia maschile inizia dall’attaccatura dei capelli, con l’arretramento dell’attaccatura dei capelli. Man mano che avanziamo, vediamo che delimita una caratteristica formazione “M”. Con la progressione di questo disturbo, viene delimitata un’area di capelli a forma di U.

La scala Hamilton-Norwood è uno strumento utile con cui classifichiamo i diversi stadi dell’alopecia maschile. È stato creato dal Dr. James Hamilton nel 1951 e successivamente ampliato e modificato dal Dr. Norwood. Questa scala consente di valutare il grado di calvizie, nonché di determinare le aree che devono essere trattate e la progressione dei risultati , sia dei trattamenti medici che degli innesti di capelli.

La progressione tipica che vediamo inizia con l’arretramento dell’attaccatura dei capelli nelle regioni temporali, comunemente noto come sfuggente. Il pelo continua ad essere perso perifericamente fino a quando le zone cespugliose si limitano ad un arco sopra le orecchie e alla nuca.

 

 

  • Grado I:  In questa prima fase si registra l’inizio di una quasi trascurabile o minima caduta dei capelli sulla parte anteriore della testa. È molto difficile da rilevare ad occhio nudo.
  • Grado II:  è quando iniziano a comparire le cosiddette “voci”. In generale, questa fase può durare fino a oltre i 40 anni e ancora non si parla di alopecia in quanto tale.
  • Grado III:  a questo livello, la caduta dei capelli si verifica nella zona della corona e si diffonderà se non vengono prese precauzioni durante il trattamento.
  • Grado IV:  la perdita di capelli nell’area frontale e della corona è maggiore di quella del grado III. La perdita dei capelli in generale diventa più evidente. È il punto di partenza di un’alopecia più cronica.
  • Grado V:  aumenta la caduta dei capelli e solo pochi capelli rimarranno sulla parte superiore della testa. A questo punto, solo l’innesto di capelli è il rimedio per porre fine all’alopecia.
  • Grado VI:  si parla già di grave alopecia, lasciando l’intera parte superiore completamente spopolata. La calvizie comincia a diffondersi verso le zone laterali della testa e la nuca.
  • Grado VII: è quando è già considerata un’alopecia generalizzata. A questo livello rimane solo una porzione molto sottile di capelli nella parte posteriore della testa. È il grado più cronico di alopecia androgenetica

Alopecia androgenetica negli uomini, esiste una cura?

Non esiste una cura dal punto di vista medico. Ci sono trattamenti farmacologici che possono attenuarla o fermarla , ma i capelli non ricresceranno nella zona dove non li avevi, e se cresceranno saranno di una tessitura fine e molto lontana dai capelli che hai addosso il resto della tua testa.

In farmacie e nelle farmacie vendono degli integratori alimentari come il BIOSCALIN che possono fornire un aiuto se si tratta di mancanze nell’ alimentazione, ma nulla possono se i problemi sono generici.

Il Minoxidil è una soluzione topica che fa ricrescere i capelli nelle zone colpite, ad esempio nel caso dei diradamento frontale dei capelli,  ma al momento della cessazione nel suo uso i capelli tornano a cadere.

Propecia è il farmaco più noto per combattere l’alopecia androgenetica. Lo stesso foglietto illustrativo afferma quanto segue: “In molti degli uomini trattati con Propecia per 5 anni, la progressione della caduta dei capelli è rallentata e in almeno la metà di questi uomini anche la crescita dei capelli è leggermente migliorata“.

Devi prenderlo ogni giorno per 5 anni per rallentare la caduta dei capelli o migliorarla in qualche modo, che non specifica. Pertanto non è un rimedio per far ricrescere i capelli .

Trattamento dell’alopecia androgenetica negli uomini

Una volta spiegati i gradi di alopecia, capirai che prima viene rilevata, meglio è. Fino al grado IV è possibile arrestare la caduta con un trattamento con plasma arricchito di piastrine (PRP). Non serve a far crescere nuovi capelli in una zona dove non ce n’erano. Quello che farà sarà rafforzarlo alla radice per migliorarne le condizioni e, in questo modo, non continuerà a cadere. L’applicazione dura appena 30 minuti e consiste nell’introdurre il plasma nel cuoio capelluto tramite microiniezioni.

Arrivati ​​al V grado o alopecia grave, si può ricorrere solo all’innesto di capelli . Non esiste metodo più efficace. Avrai di nuovo i tuoi capelli dove non li avevi più o ne era rimasto ben poco. Scopri in cosa consiste un trapianto di capelli passo dopo passo .

I trattamenti medici che si usano precocemente hanno l’obiettivo di riattivare i follicoli che sono vitali anche se non producono capelli. Per questo motivo è importante che siano gestiti da professionisti specializzati nel settore.

Biostimolazione

Questo trattamento ci permette di sfruttare le proprietà di alcune sostanze che attivano la divisione cellulare all’interno del follicolo pilifero. Questo attiva la fase anagen o di crescita dei capelli, in contrasto con la fase telogen o di riposo.

Per questo trattamento utilizziamo il plasma ricco di piastrine del paziente stesso, evitando così reazioni collaterali come allergie o rigetto. Le piastrine contengono fattori di crescita molto efficaci per stimolare i follicoli ad entrare nella fase anagen.

Laser

L’obiettivo di questo trattamento è quello di stimolare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto. La sua frequenza è bassa, 600 nm, e viene utilizzato con bassa intensità, quindi penetra negli strati cutanei senza ferirli.

Ad ogni sessione, il flusso sanguigno aumenta di oltre il 50%, stimolando così la crescita dei capelli e migliorandone la densità. Laser Luce LDE : rileva la caduta dei capelli e rigenera i capelli. I risultati sono molto soddisfacenti, poiché con un trattamento l’irrigazione ai follicoli aumenta del 54%.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *