Pillola dei Cinque Giorni Ellaone, come funziona e chi può Comprarla

E’ arrivata anche in Italia Ellaone, la cosiddetta “pillola dei cinque giorni” un contraccettivo di emergenza (da non utilizzare come contraccettivo di routine) che permette di evitare gravidanze anche se preso a distanza massima di 120 ore (5 giorni). Diversamente dalla pillola del giorno dopo che invece copriva solo 72 ore. Il via libera è arrivato dall’ Agenzia italiana del farmaco che ha pubblicato il sì definitivo alla commercializzazione con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 17 novembre 2011.

Il principio attivo della pillola è l’ulipristal acetato, un agonista-antagonista del progesterone il cui probabile effetto principale è quello di inibire o ritardare l’ovulazione. La scatola di EllaOne, prodotta da HRA PHARMA, contiene un blister con una compressa da 30 milligrammi, che va presa entro 5 giorni dall’atto sessuale, sia a stomaco pieno che vuoto, che ha portato in maniera probabile alla gravidanza.

Il farmaco è vendibile in farmacia in fascia C, a carico dell’ utente quindi per un prezzo che oscilla sulle 30 euro, che per averlo necessita della presentazione di un test di gravidanza negativo (probabile gravidanza in atto), basato sul dosaggio dell’HCG beta.

Gli effetti collaterali più frequentemente osservati con Ellaone negli studi clinici comprendono: cefalea, nausea, dolori addominali, dolore / fastidio durante le mestruazioni (dismenorrea), stanchezza e vertigini.

Differenza con la pillola del giorno dopo

Dobbiamo far attenzione anon confonderla con la pillola del giorno dopo a base di levonorgestrel che va assunta entro 72 dal rapporto.

Chi può comprare la pillola dei 5 giorni

Coloro che hanno compiuto 18 anni anche senza la prescrizione medica possono recarsi in farmacia ed acquistarla. Non c’è bisogno nemmeno del test per la gravidanza. Non è un farmaco da banco, quindi non si trova nelle parafarmacie.

Se la ragazza ha meno di 18 anni deve avere una prescrizione del proprio medico o del consultorio o di un pronto soccorso. Non occorre il consenso genitoriale e non occorre nemmeno informarli. Secondo le leggi italiane (194/78 e 405/75), i medicinali e i dispositivi per la contraccezione possono essere liberamente prescritti e dati ai minorenni senza nessun obbligo di comunicazione.

Non è considerato un farmaco abortivo, quindi anche se il medico è obiettore di coscienza è obbligato a prescriverla.

Non dobbiamo confonderla con la pillola abortiva RU-486 Mifegyne a base di Mifeprostone prodotta dalla Exelgyne, che si prende entro le prime sette settimane di vita del feto, è considerato un farmaco abortivo.

A questo indirizzo è possibile controllare gli studi effettuati su Ellaone, dal sito FDA Usa.

(Visited 243 times, 1 visits today)