Incontinenza urinaria, le cause ed i rimedi

incontinenzaurinariaAlmeno due milioni di donne in Italia soffrono di incontinenza urinaria, un dato sicuramente sottostimato poiché non prende in considerazione coloro le quali per vergogna o timore non si dichiarano sofferenti. Può essere classificata in incontinenza da sforzo (stress incontinence), incontinenza da urgenza (urge incontinence) oppure incontinenza mista. L’inquadramento diagnostico dell’incontinenza urinaria, spesso affrontato da un punto di vista multidisciplinare, deve prendere in considerazione tutte le possibili cause. In molti casi può essere utile far compilare alla paziente un diario minzionale, sul quale viene riportato nell’arco di 72 ore l’introito idrico approssimativo, gli orari delle minzioni con la quantità di urina espulsa, gli orari e le modalità di eventuali episodi di fuga urinaria. L’integrazione diagnostica con alcuni fondamentali esami strumentali risulta indispensabile per definire in maniera inequivocabile il quadro clinico, condizione imprescindibile per il corretto trattamento terapeutico.

In particolare è necessario studiare in maniera approfondita la funzionalità vescicale mediante l’esame urodinamico che permette di quantificare l’entità della fuga urinaria, lo stato delle strutture sfinteriche, la presenza o meno di iperattività vescicale e l’eventuale esistenza di sindromi associate come l’ostruzione cervico-uretrale e la presenza di residuo postminzionale. L’inquadramento delle modificazioni morfologiche si avvale invece della diagnostica per immagini, sottoponendo le pazienti ad una valutazione ecografica preliminare per procedere ad un esame cistouretrografico che consente di evidenziare le alterazioni anatomiche della vescica e dell’uretra e i rapporti con gli organi contigui. La risonanza magnetica può avere un ruolo importante nello studio non solo dei visceri pelvici ma anche dei piani muscolari che compongono il pavimento pelvico, esame utile nel caso di un eventuale trattamento chirurgico.

I rimedi per l’incontinenza urinaria prevedono numerosi ed efficaci strumenti. Il primo passo è generalmente costituito dalla riabilitazione della muscolatura del pavimento pelvico, sia mediante il biofeedback, sia mediante l’elettrostimolazione. Tale procedura è molto valida nel trattamento dell’incontinenza da sforzo e fornisce buoni risultati anche in caso di incontinenza da urgenza. L’intento è quello di ristabilire un corretto supporto muscolare a livello perineale, condizione che permette, nei casi di prolasso poco pronunciato, di risolvere spesso in maniera completa la patologia mentre, nei casi di prolasso più gravi, garantisce una migliore riuscita della chirurgia correttiva. Sul versante farmacologico esistono diverse molecole di recente concepimento che agiscono sia a livello del sistema nervoso centrale, aumentando il tono dello sfintere uretrale e quindi limitando la perdita diurne sotto sforzo, sia a livello recettoriale locale, aumentando la soglia dello stimolo e riducendo la sintomatologia legata all’incontinenza da urgenza. È superfluo aggiungere che questi farmaci comportano anche degli effetti collaterali (disturbi dell’umore, secchezza della bocca, stipsi, reazioni da intolleranza) ed è dunque necessario che vengano somministrati sotto il controllo dello specialista. Il trattamento chirurgico viene riservato ai casi in cui le terapie riabilitative o farmacologiche non abbiano avuto successo.

Quasi quotidianamente vengono messe a punto nuove tecniche e nuovi sistemi per la risoluzione chirurgica dell’incontinenza, ma lo scopo è sempre e comunque quello di ripristinare nella maniera meno invasiva possibile i corretti rapporti anatomici tra i vari organi pelvici. In questo senso sono state create tecniche di sostegno per l’uretra, per la vescica, per la vagina, che si avvalgono spesso di presidi protesici applicabili per via transvaginale con il minimo trauma chirurgico per la paziente, limitata durata degli interventi e tempi di degenza molto brevi (2-3 giorni). È dunque evidente come l’interesse del mondo scientifico abbia reso l’incontinenza urinaria un problema che può essere serenamente affrontato e risolto, liberando la paziente da un disagio psicologico spesso frustrante dall’importante impatto sulla qualità della vita.

(Visited 226 times, 1 visits today)