Gastrite Cause Sintomi e Medicinali per eliminarla

La gastrite è un’infiammazione del rivestimento dello stomaco, ovvero della mucosa gastrica. Il più delle volte la causa principale è l’infezione dovuta al batterio Helicobacter pylori , che causa anche ulcere allo stomaco.

Anche l’uso prolungato di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, può  causare la gastrite. In alcuni casi, il rivestimento dello stomaco può essere “corroso”, portando a piaghe (ulcere peptiche) nello stomaco o nella prima parte dell’intestino tenue. La gastrite può manifestarsi improvvisamente (gastrite acuta) o gradualmente (gastrite cronica). Nella maggior parte dei casi, la  non danneggia permanentemente il rivestimento dello stomaco.

Sintomi

I sintomi più comuni della gastrite sono il mal di stomaco- Altri possibili sintomi includono:

  • Indigestione (dispepsia)
  • Bruciore di stomaco
  • Dolore addominale
  • singhiozzo
  • Perdita di appetito
  • Nausea
  • Vomito

Le cause

La gastrite può essere causata da infezione, irritazione, malattie autoimmuni (in cui il sistema immunitario attacca erroneamente lo stomaco) o reflusso della bile nello stomaco (reflusso biliare). La gastrite può anche essere causata da una malattia del sangue chiamata anemia perniciosa.

Le infezioni possono essere causate da:

  • Batteri (di solito Helicobacter pylori )
  • Virus (incluso virus herpes simplex)
  • Parassiti
  • Fungo

Un certo numero di elementi uò causare irritazione, tra cui:

  • Uso a lungo termine dei FANS, come l’ ibuprofene o il  naproxen .
  • Uso di alcol
  • Fumo
  • vomito cronico
  • caffè e bevande acide
  • stress
  • ingerire sostanze caustiche o corrosive
  • Traumi (ad esempio trattamenti radianti o ingestione di un oggetto estraneo)

Altre cause di gastrite sono molto rare. Queste includono:

  • Malattia sistemica (ad esempio, malattia di Crohn)
  • sarcoidosi

Fattori di rischio

  • Infezione con Helicobacter pylori
  • Aids
  • Qualsiasi condizione patologica che richiede sollievo dal dolore cronico usando farmaci FANS, come ad esempio la lombalgia cronica, fibromialgia o l’artrite
  • Alcolismo
  • fumo
  • Età avanzata
  • Herpes simplex virus o citomegalovirus
  • Malattia infiammatoria intestinale

Diagnosi

Diversi test possono essere utilizzati per fare una diagnosi. C’è l’endoscopia dello stomaco, in cui un tubo sottile con una luce e una fotocamera all’estremità viene inserito nella gola e va giu’ fino allo stomaco. Ciò consente al medico di vedere la situazione nello stomaco e prendere campioni (biopsia) del rivestimento, se necessario.

Gli esami di laboratorio di cui potresti aver bisogno dipenderanno dalla causa della tua gastrite. Il medico può utilizzare un test delle feci per verificare la presenza di sangue, oppure il medico può prelevare un campione di tessuto dall’esofago o dallo stomaco. Un test del respiro o una biopsia possono rilevare l’elicobatterio. Possiamo farlo anche in casa da soli, il tester lo troviamo in vendita a meno di 10 euro.

gastrite

Prevenzione

Innanzitutto ci vuole un cambiamento nello stile di vita, ad esempio evitare l’uso a lungo termine di alcol, farmaci FANS, caffè e droghe. Anche la riduzione dello stress attraverso tecniche di rilassamento, tra cui yoga, tai chi e meditazione, può essere utile.

Il trattamento della gastrite dipende dalla causa del problema. Alcuni casi di gastrite possono risolversi da soli nel tempo o comunque il dolore migliorare quando si smette di bere alcolici, fumare sigarette o assumere FANS. Potrebbe essere necessario cambiare la dieta.

 

Medicinali gastrite

Una volta accertato che nel vostro corpo è presente il batterio responsabile della gastrite ci sarà bisogno di antibiotici.

I medici usano comunemente la “tripla terapia” per trattare la gastrite e le ulcere dovute ai batteri ovvero un inibitore della pompa protonica (Pantoprazolo e Lansoprazolo) per ridurre la produzione di acido e due antibiotici (amoxicillina
metronidazolo). Il bismuto salicilato (pepto Bismol) deve essere usato per proteggere e lenire la mucosa dello stomaco, proteggendola dagli effetti dannosi dell’acido.

antiacidi

Disponibili da banco, possono alleviare il bruciore dello stomaco o l’ indigestione ma non curano un’ulcera. Gli antiacidi possono bloccare l’assunzione di farmaci e quindi diminuire l’efficacia del medicinale. I medici raccomandano di prendere antiacidi almeno 1 ora prima o 2 ore dopo l’assunzione di farmaci. Gli antiacidi includono:

  • Idrossido di alluminio
  • Idrossido di magnesio
  • Idrossido di alluminio e di magnesio (Maalox)
  • Carbonato di calcio
  • Bicarbonato di sodio (Alka-Seltzer)

Per ridurre la secrezione acida gastrica abbiamo a disposizione la:

  • Cimetidina
  • Ranitidina
  • Nizatidina
  • Famotidina
  • Inibitori della pompa protonica – IPP

Per Diminuire la produzione di acido gastrico:

  • Esomeprazolo
  • Lansoprazolo
  • Omeprazolo
  • Pantoprazolo
  • Integratori alimentari

La dieta

per evitare la gastrite, se non dovuta da batterio mangiate cibi ricchi di antiossidanti, inclusi frutta (come mirtilli, ciliegie e pomodori) e verdure (come zucchine e peperoni).

Mangiare cibi ricchi di vitamine del gruppo B e di calcio, come mandorle, fagioli, cereali integrali (se non sono allergici), verdure a foglia verde scure (come spinaci e cavoli) .

Evita cibi raffinati, come pane bianco, pasta e zucchero. Sì alla carne magra, pesce d’acqua fredda, tofu (soia) o fagioli per assumere proteine. Usare l’olio d’oliva.

Ridurre o eliminare gli acidi grassi trans, presenti in prodotti commercialmente cotti, come biscotti, cracker, torte, patatine fritte, anelli di cipolla, ciambelle, cibi lavorati e margarina.

Evitare le bevande che possono irritare il rivestimento dello stomaco o aumentare la produzione di acido tra cui caffè (con o senza caffeina), alcol e bevande gassate. Bere circa 1,5 litri di acqua al giorno.

Possiamo aiutarci anche assumendo :

  • un multivitaminico quotidianamente , contenente le vitamine antiossidanti A, C, E, le vitamine del gruppo B e tracce di minerali, come magnesio, calcio, zinco e selenio.
  • acidi grassi omega-3 , come l’olio di pesce, possono aiutare a ridurre l’infiammazione. L’olio di pesce può aumentare il rischio di sanguinamento. Se prende l’aspirina o altri anticoagulanti (fluidificanti del sangue), parlate con il medico prima.
  • Integratore probiotico (contenente Lactobacillus acidophilus ). I probiotici o batteri “amici” possono aiutare a mantenere un equilibrio nel sistema digestivo tra batteri buoni e nocivi, come H. pylori . I probiotici possono aiutare a sopprimere l’ infezione da H. pylori e possono anche aiutare a ridurre gli effetti collaterali dell’assunzione di antibiotici, il trattamento per un’infezione da H. pylori . Alcuni integratori probiotici devono essere refrigerati per ottenere i migliori risultati. Le persone che hanno indebolito il sistema immunitario, o che stanno assumendo farmaci immunosoppressivi, dovrebbero prendere i probiotici solo sotto la direzione del loro medico.
  • La vitamina C . Gli studi dimostrano che le dosi farmacologiche di vitamina C possono migliorare l’efficacia della terapia nell’eradicazione dell’ elicobatterio.

Rimedi naturali

È possibile utilizzare le erbe come estratti secchi (capsule, polveri o tè), gliceriti (estratti di glicerina) o tinture (estratti di alcool). Le erbe possono interagire con farmaci o altri integratori e alcune erbe potrebbero non essere appropriate per le persone con determinate condizioni mediche.

Mirtillo rosso : alcune ricerche preliminari suggeriscono che il mirtillo possa inibire la crescita di Helicobacter pylori nello stomaco. Evita l’estratto di mirtillo se hai un’allergia all’aspirina. Il mirtillo rosso può aumentare il rischio di sanguinamento nelle persone che assumono farmaci che fluidificano il sanguei.

Pistacia lentiscus mastice. Il mastice è un trattamento tradizionale per le ulcere peptiche e inibisce il batterio in provetta. L’ estratto standardizzato di radice di liquirizia ( Glycyrrhiza glabra ), masticata 1 ora prima o 2 ore dopo i pasti, può aiutare a proteggere dai danni allo stomaco causati dai FANS. La glicirrizina è una sostanza chimica presente nella liquirizia che causa effetti collaterali e interazioni farmacologiche.

Menta piperita. Può aiutare ad alleviare i sintomi dell’ulcera peptica. Ogni compressa contiene 0,2 ml di olio di menta piperita. Assicurarsi di utilizzare la forma con rivestimento enterico per evitare il bruciore di stomaco. La menta piperita può potenzialmente interagire con una varietà di farmaci e può essere tossica a dosi elevate.

Omeopatia

Sebbene pochi studi abbiano esaminato l’efficacia di specifiche terapie omeopatiche, gli omeopati professionisti possono prendere in considerazione i seguenti rimedi per il trattamento dei sintomi della gastrite (come nausea e vomito) in base alla loro conoscenza ed esperienza. Prima di prescrivere un rimedio, gli omeopati tengono conto della tua costituzione, include il tuo aspetto fisico, emotivo e psicologico. Un omeopata esperto valuta tutti questi fattori quando determina il trattamento più appropriato.

Pulsatilla . Per il bruciore di stomaco, nausea, un cattivo gusto in bocca causato mangiando cibi e grassi ricchi (in particolare il gelato); i sintomi possono includere vomitare cibo parzialmente digerito. Questo rimedio è più appropriato per qualcuno la cui lingua è ricoperta da una sostanza bianca o gialla.
Ipecacuanha . Per nausea persistente e grave, con o senza vomito e diarrea, causata da un eccesso di cibi ricchi o grassi.

Carbo vegetabilis . Per gonfiore e indigestione, soprattutto con flatulenza e stanchezza.
Nux vomica . Per bruciore di stomaco, nausea, conati di vomito senza vomito e rutti acidi causati da eccesso di cibo, uso di alcool o bere caffè. Questo rimedio è più appropriato per le persone che si sentono irritabili e sensibili al rumore e alla luce.

Agopuntura:  può aiutare a ridurre lo stress e migliorare la funzione digestiva complessiva.

 

(Visited 60 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *