Fibromialgia i Sintomi quando capire che si tratta della Malattia

La Fibromialgia (FM) è una patologia presente in molti pazienti che lamentano un dolore cronico diffuso. Il dolore è localizzabile per lo più all’interno delle strutture dei tessuti molli e muscolo-scheletriche. I sintomi sono cronici e persistenti e rendono spesso invalidante la vita di chi ne soffre.

I sintomi della Fibromialgia sono associati ad affaticamento, insonnia, rigidità, irritabilità intestinale, disfunzioni cognitive.

  • Nel mondo ne soffre circa il 2-4% della popolazione generale.
  • La patogenesi coinvolge la sensibilizzazione del sistema nervoso centrale.
  • Due misure chiave per la diagnosi sono l’indice di dolore diffuso
    (WPI dall’ inglese widespread pain index) e la scala di gravità (SS o meglio Symptoms Severity).
  • I pazienti con dolore cronico diverso dalla fibromialgia possono successivamente sviluppare
    una fibromialgia secondaria.

Epidemiologia e prevalenza

ci sono una serie di criteri per la diagnosi che sono stati ampiamente accettati dalla comunità medica. Purtroppo, questi criteri hanno portato ad una certa confusione nella diagnosi corretta.

L’incidenza è comunque più elevata tra le femmine rispetto ai maschi (3,4 vs 0,5%)
e aumenta con l’età.

Il picco più alto è quello delle donne con età compresa tra 70 e79 anni (7,4%) rispetto ai maschi della stessa età (1%).

La fibromialgia è associata in alcuni casi con iperalgesia e allodinia, infatti, i pazienti sofferenti di fibromialgia sembrano essere più sensibile a molteplici stimoli diversi, compreso il calore, il freddo e la stimolazione elettrica. È interessante notare che questi pazienti presentano una ipersensibilità uditiva e visiva agli stimoli, il che suggerisce che hanno una elaborazione sensoriale globale alterata
che non è specifica solo per gli stimoli dolorosi.

fibromialgia dolore

Alcuni studi hanno dimostrato che i Pazienti sofferenti di fibromialgia hanno deformità strutturali delle aree del cervello anteriori coinvolte nella elaborazione del dolore che includono il talamo, striato, corteccia insulare e corteccia cingolata.

Patogenesi e Sintomi

la fibromialgia è una delle cause del dolore cronico diffuso, che tradizionalmente è stato pensato
essere causa di patologie muscolari. Tuttavia, diversi studi non hanno confutato questo pensiero.
Stanchezza
Uno dei sintomi più comuni associati alla fibromialgia è la stanchezza. Circa
l’80% dei pazienti rientrano nella base dei criteri per la sindrome da stanchezza cronica,
che includono: stanchezza per un periodo maggiore o uguale a 6 mesi, mal di gola, dolori articolari, muscolari, sonno non ristoratore.

La fatica è maggiore comunemente al risveglio, lentamente migliora nel corso del mattino, e peggiora nel pomeriggio. I pazienti lamentano difficoltà con il sonno con una veglia frequente al centro della notte.

La fatica sperimentata dai pazienti è descritta come estenuante, sia mentalmente
che fisicamente. Può essere difficile identificare la fibromialgia come causa principiante in pazienti che soffrono comunque di disturbi del sonno e assumono farmaci  antidepressivi triciclici e oppioidi.

Mancanza di sonno
la maggior parte dei pazienti con si lamentano di avere un sonno non ristoratore (NRS).  Questi pazienti inoltre non riescono a fare piccoli sonnellini durante il giorno chei sono deprivati di energia e affaticati nella maggior parte della giornata.

La maggior parte dei pazienti si sveglia al mattino con un aumento della fatica e rigidità, sentendosi mentalmente svuotati. E ‘molto importante che si escludano disturbi del sonno primari in questi pazienti,
come la sindrome delle gambe senza riposo o l’apnea ostruttiva del sonno.

Disturbi affettivi
Il dolore cronico può portare ad un aumento dell’incidenza di sofferenza affettiva. LA Fibromialgia è più
comunemente associata con ansia e depressione, patologie che possono essere trattate con farmaci a base di benzodiazepine. Circa il 13-71% dei pazienti di Fibromialgia hanno associato l’ ansia. La depressione può essere presente nell’ 20-80% dei pazienti . Questi problemi affettivi associati possono contribuire ad una maggiore gravità dei sintomi fisici a causa di una maggiore percezione del dolore, diminuzione del livello di attività.

I pazienti con sindromi da dolore cronico sono spesso assunti come vittime
di trauma infantile o di abuso sessuale anche se ci sono studi contrastanti che confutano questa idea.

Rigidezza
I pazienti con diagnosi di FM si lamentano spesso della rigidità mattutina. Può essere
molto debilitante e può durare da 45 minuti a 4 ore. Nel 2005, un questionario di indagine
composto da 121 elementi è stato sviluppato dalla National Fibromialgia Association
(NFA) ed è stato somministrato a 2569 pazienti sofferenti di FM. La Rigidità mattutina è stato valutata come il sintomo più fastidioso dagli esperti, seguito da stanchezza e dal sonno non ristoratore.

L’elasticità muscolare diminuisce con l’età. Uno studio condotto da McHugh e colleghi
ha scoperto che la rigidità muscolare può peggiorare il danno muscolare che si può avere durante
esercizi fisici faticosi. E ‘generalmente accettato che la contrazione muscolare concentrica e l’
allungamento passivo può migliorare la rigidità.

Disfunzione cognitiva
La maggior parte dei pazienti con FM si lamentano della perdita di memoria a breve termine, difficoltà di compiere esercizi in multitasking ed avere scarsa concentrazione. Rispetto ai pazienti senza FM della stessa fascia di età, i pazienti hanno mostrato una diminuzione della memoria nel lavoro, nella rievocazione libera, e di una fluenza verbale ma avevano la stessa velocità di elaborazione per le informazioni.

Il ritardo cognitivo osservato nei pazienti con FM sembra essere correlato con il dolore e non
con la presenza o il grado di disturbo affettivo

Sindrome dell’intestino irritabile
Circa il 30-50% dei pazienti con FM è associato alla sindrome dell’ intestino irritabile, caratterizzata
da un aumento di movimenti intestinali.

Disturbi genito-urinario
Circa il 12% dei pazienti con FM soddisfa i criteri per la diagnosi di
sindrome uretrale femminile. La Sindrome uretrale femminile è caratterizzata da uno stimole frequente nel fare pipi’, dolore uretrale, disagio nella zona sovrapubica e disuria. Inoltre, il 60% dei
pazienti con FM si lamentano di urgenza urinaria . La fibromialgia inoltre sembra avere una significativa
sovrapposizione clinica con la cistite interstiziale.

Riferimenti: Fibromyalgia Clinical Guidelines and Treatments Erin Lawson • Mark S. Wallace e studio di fisioterapia a Roma Medben.

(Visited 2.113 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *