A che età fare il Pap Test

Il Pap Test è un esame che permette di individuare molto precocemente eventuali tumori al collo dell’ utero. A che età dovrebbe essere fatto il primo pap test?

Le nuove lnee guida per lo screening del tumore al collo dell’utero indicano che le donne dovrebbero ritardare il loro primo Pap-test all’età di 21 anni, non prima, ed i controlli dovrebbero essere effettuati con meno frequenza di quello che si dichiarava fino a qualche tempo fa.

Il consiglio arriva dall’ American College of Obstetricians and Gynecologists, che vuole ridurre test non necessari e nocivi in particolare nelle adolescenti e giovani donne. Le linee guida affermano che le ragazze con età inferiore ai 30 anni devono essere sottoposte al test una volta ogni due anni, invece di eseguire un esame annuale, mentre per le donne sopra i 30 anni si possono eseguire ogni tre anni.

LEGGI ANCHE : PAP TEST THIN PREP che cos’è

Le ultime linee guida sullo screening del cancro cervicale sono le seguenti:

  • il primo controllo dovrebbe iniziare all’età di 21 anni.
  • Le donne con età compresa tra 21-29 anni dovrebbero fare un Pap test ogni 3 anni.
  • Le donne di età compresa tra 30-65 anni dovrebbero eseguire un Pap test ed un test HPV (co-test) ogni 5 anni. E ‘accettabile fare un Pap test da solo ogni 3 anni.
  • Le donne possono fare a meno di effettuare uno screening per il cancro del collo dell’utero  dopo i 65 anni, a meno che non abbiano una storia grave o moderata di displasia o tumore moderata e che allo stesso tempo abbiamo avuto tre risultati negativi sul pap test negli ultimi 10 anni, con la prova più recente negli ultimi 5 anni.

linee guida pap-test ginecologici american college

Ci si potrebbe chiedere perché il test HPV non sia raccomandato per le donne di età inferiore a 30 anni. L’infezione da HPV è molto comune nelle donne più giovani,  di solito va via da solo. Un risultato positivo del test HPV molto probabilmente diventerà negativo senza alcun trattamento.
Se avete avuto un intervento di isterectomia, potrebbe essere necessario fare uno screening del cancro cervicale.

Come si fa il Pap Test

 

Dovresti aspettarti un intervallo di almeno dieci giorni dopo l’ultimo giorno del tuo ciclo mestruale quando pianifichi il test. Inoltre, ci si dovrebbe astenere dall’avere rapporti sessuali nelle ultime 24 ore, nonché dall’irrigazione e dall’uso di farmaci vaginali. Si consiglia inoltre di evitare tamponi contraccettivi, creme, schiume o gel (spermicidi) durante questo periodo.

Il test PAP si effettua approssimativamente così:

  1. Il medico inserisce uno speculum (un dispositivo di metallo o plastica che separa le pareti della vagina) nella vagina. Ciò consentirà al medico di esaminare la cervice. Potrebbe causare un leggero disagio. Se il disagio si trasforma in dolore, informi il medico o l’assistente.
  2. La cervice viene quindi esaminata per vedere se c’è una scarica insolita o una possibile irritazione della cervice.
  3. In caso di perdite vaginali, comunicarlo al medico, che si occuperà dell’esame microscopico (allo stato fresco) delle tue secrezioni. Scoprirà una possibile infezione della cervice o della vagina.
  4. Il medico raccoglierà quindi le cellule dalla cervice usando una spatola, un bastoncino o un cytobrush (un pennello speciale).
  5. Distribuirà le cellule raccolte su un vetrino, che verrà spruzzato con una soluzione di fissaggio. In questo modo sarà possibile preservare l’aspetto delle cellule ed eseguire l’esame successivamente in laboratorio. È anche possibile eseguire il test PAP in un mezzo liquido. In questo caso specifico, il medico metterà le cellule raccolte in un contenitore in cui è presente un liquido speciale.
  6. Dopo aver prelevato il campione del test PAP, il medico esaminerà l’utero e le ovaie. Questa azione gli consentirà di rilevare anomalie.

Il tempo necessario per ottenere i risultati è, in media, di cinque settimane

(Visited 300 times, 1 visits today)