Plank per Addome e Schiena Benefici Come Farlo

Negli ultimi anni, nel campo del fitness, ha preso piede quello che è da tutti conosciuto come Plank. Si tratta di un allenamento molto particolare e in alcuni casi molto intenso, che permette di ottenere grandi risultati in molte aree del corpo. Nel nostro articolo andremo a conoscere nello specifico questo tipo di allenamento.

Plank per il core

Il Plank è un tipo di allenamento che si adatta a molti tipi di sport, e che rappresenta una buona opzione a diversi esercizi fisici tradizionali.

Uno degli elementi che contraddistingue questo tipo di esercizio è la sua versatilità, infatti, il Plank si può eseguire a corpo libero o con l’ausilio di piccoli attrezzi. Lo si può senza ombra di dubbio definire come sistema statico funzionale, grazie al quale si può contare sulla stabilizzazione del corpo per una lasso di tempo prefissato e ben definito, o in alternativa fino a quello che si definisce come il momento del cedimento muscolare. Il fatto è che, alla fine, questo tipo di esercizio associato ad una continua concentrazione mentale e muscolare, permette di andare a sollecitare i muscoli di tutto il corpo, e lo fa in maniera costante anche se si concentra principalmente sul “core” sul tronco centrale rinforzando l’addome , ma anche la parte bassa della schiena e i fianchi. Leggi di piú

Correre la Maratona fa Bene?

correre maratona benefici

Correre le maratone fa bene al nostro fisico? No, secondo una recente ricerca effettuata dai medici del St. Lukès America Heart Institute di Kansas City , uno dei migliori centri al mondo per le cure cardiovascolari e pubblicato sulla rivista ‘Heart‘.

Il cuore è fatto solo per brevi sforzi di di intensa attività, ha detto il Dr. James O’Keefe, uno dei ricercatori coinvolti. “L’esecuzione di una maratona costringe il cuore a pompare grandi quantità di sangue per ore portando ad un “overstretching”, allungamento, delle camere del cuore, ad un ispessimento delle sue pareti e a modifiche dei segnali elettrici“. Leggi di piú

Per una vita sana, andate in palestra

palestra2011

Oggi sappiamo bene che la cura del corpo ha raggiunto livelli quasi maniacali: la gente insegue l’utopia del corpo perfetto, scultoreo, con le curve al punto giusto e la completa assenza di grasso. Ma quello che invece dovrebbe ricercare è un momento per se stessa, da passare in allegria. La palestra è l’ambiente perfetto per questo, la scelta delle attività praticabili al giorno d’oggi è sconfinata e le soluzioni sono a portata di tutte le tasche.

Chi ama la palestra è una persona che predilige la socialità, la compagnia e che desidera unire i vantaggi del praticare sport al piacere di fare nuove amicizie o di coltivare quelle già create. Tanti dopo una giornata in ufficio, si danno appuntamento su un tapis-roulant o in una sala pesi a ridere e sudare. Leggi di piú

Fare Stretching prima della corsa fa bene? Serve?

stretchingcorsa

Fa bene fare stretching prima della corsa? Mettere in trazione muscoli e tendini riduce gli infortuni? No, ma nemmeno li causa. E’ questo il risultato di un nuovo studio che arriva da Potomac in Maryland, Usa. Il dottor Daniel Pereles, chirurgo ortopedico dell’ ospedale dice che “…se di solito fai stretching prima di una corsa non c’è motivo di smettere, allo stesso modo se non lo hai mai fatto non c’è motivo per iniziare“.

Il dottore ha preso in esame 2729 podisti amatoriali, età media 39 anni, che correvano 10 miglia (circa 7 chilometri) e li ha divisi in due gruppi. Da una parte quelli che dovevano fare 5 minuti di stretching e dall’ altra quelli che non lo facevano. Lo specialista li ha seguiti per 3 mesi registrando le lesioni (la definizione di lesione è l’interruzione dell’ attività di corsa per almeno 1 settimana), compresi strappi muscolari e fratture da stress. Leggi di piú

Più endorfine per chi si allena in compagnia

Fare sport in compagnia aumenta la produzione degli ormoni del piacere e rende più felici. Un team di ricercatori dell’Istituto di antropologia cognitiva e dell’evoluzione di Oxford ha effettuato un test su 12 canoisti sottoposti ad una dura gara da soli ed in gruppo. È risultato che chi si era allenato in gruppo aveva sopportato meglio la fatica rispetto a chi lo aveva fatto da solo. Le endorfine prodotte durante l’allenamento, oltre alla nota capacità di renderci euforici, sembra che plachino anche il dolore. La soglia di sopportazione è stata più alta in chi remava in gruppo. Il commento di Emma Cohen, coordinatrice dello studio è stato: «Lo studio suggerisce che la produzione di endorfina è significativamente più alta tra coloro che si allenano in squadra rispetto ai singoli anche quando lo sforzo fisico è costante» Leggi di piú