Caduta dei Capelli i Rimedi Naturali Efficaci

Link sponsorizzati

La caduta dei capelli è un problema prettamente maschile che colpisce buona parte degli uomini a partire dalla fase della fine dell’ adolescenza. Ci sono ragazzi che iniziano con la classica “stempiatura” già a 18 per poi proseguire con una totale calvizie, mentre per altri il problema parte a 40-50 anni. Per tutti una sola ed unica volontà, quella di riavere i capelli. Di soluzioni miracolose non ce ne sono, ma esistono dei trattamenti naturali che aiutano almeno a rallentare la caduta, specie quando è dovuta a particolare situazioni.

Se invece soffrite di alopecia e la caduta è completamente terminata potete optare per un autotrapianto dei capelli, prelevandoli da zone donatrici, ad esempio se sono rimasti bulbi attivi sulla nuca.

La crescita del capello passa attraverso varie fasi, anagen, catagen e telogen. La maggiorparte della vita di un capello è in anagen quando le cellule staminali del rigonfiamento del follicolo si moltiplicano e vanno in fondo, formando la guaina epiteliale della radice. Crescono di 1 mm ogni 3 giorni.

rp_tricopigmentazione-300x225.jpg

Oltre a soluzioni naturali è bene ricordare che ci sono anche delle sostanze come minoxidil e finasteride che ritroviamo in gel da applicare topicamente dove mancano i capelli. Funzionano abbastanza bene e fanno ricrescere il capello, ma quando interrompiamo la cura il capello torna a cadere.

Alimentazione corretta

Una giusta dieta è una cosa molto semplice da realizzare se applicata con gradualità, evitando cambiamenti drastici in un colpo solo. Fa bene ai capelli e al nostro stato di salute generale.

Di fondamentale importanza è adottare una dieta varia, limitando o eliminando il consumo della carne, soprattutto quella di maiale e prediligendo il consumo di cereali integrali. Importantissimi gli acidi grassi, e la vitamina A, sostanza indispensabile per avere capelli sani.

Per tutti i problemi dei capelli è buona cosa inserire ogni tanto un integratore di lievito di birra, che valorizzerà maggiormente la struttura dei tuoi capelli. In commercio si trovano ottimi prodotti, anche al supermercato, di lievito di birra in compresse e in capsule. Puoi prenderne tre al giorno a cicli di due mesi.

Per la caduta dei capelli sono efficaci alimenti e integratori a base di L-cistina, cistidina, e lecitine, che sono emulsionanti dei grassi.

Sono importanti anche il selenio, la vitamina A e la vitamina C, facendo però attenzione a non esagerare nell’assunzione di vitamina A, infatti, un dosaggio eccessivo può accelerare la caduta dei capelli, nei soggetti di entrambi i sessi.

Cerca di prediligere frutta e verdura fresche, di provenienza locale, biologiche e di stagione che saranno più buone e più complete dal punto di vista nutritivo.

Un ottimo aiuto contro la perdita dei capelli viene anche dal miglio, per il suo elevato contenuto di acido salicilico, che lo rende uno scudo contro la calvizie. Puoi assumerlo a colazione in fiocchi, insieme a latte parzialmente scremato.

Link sponsorizzati

Non potete dimenticare i semi e i loro derivati, cioè mandorle, nocciole, olio di mandorle, olio di germe di grano e olio di girasole che danno forza e servono per la ricostruzione totale dei capelli.

Per i capelli fragili, sfibrati, opachi e spenti,utilizzate antiossidanti che consentono di conservare il bel colore naturale dei capelli a mezzo di verdure a foglia verde, frutti gialli e arancioni come  carote, albicocche, zucca, cachi e curcuma. Questi alimenti devono essere la base quotidiana nella dieta soprattutto quando i capelli sono minacciati da fattori che favoriscono l’incanutimento precoce e l’indebolimento, quali stress, inquinamento, fumo, carenze dietetiche.

Oltre agli integratori, una dieta a favore della salute e del benessere non deve assolutamente mancare di frutta e verdura di stagione.

Gli alimenti contenenti vitamina B vanno consumati regolarmente insieme all’olio di mais, aiuteranno a rinforzare e riequilibrare i tuoi capelli. La vitamina B5 fornisce energia ai processi metabolici dei capelli incrementandone la crescita e la potrai ottenere dai cereali, dal tuorlo d’uovo e dal fegato.

La vitamina B6 è importante per la sintesi della cheratina e la potrai ottenere dal tonno, dal pollo, dai legumi, dalle carote e dalle banane.

La vitamina B8 (nota anche come vitamina H) o Biotina, interviene nella sintesi del glucosio nel caso la dieta sia povera di carboidrati. La cosa che ci interessa per la salute dei capelli è, soprattutto, che la produzione di grassi senza di essa è impedita.

Essendo la Biotina indispensabile per il metabolismo dei grassi, vi facciamo presente che il sebo (secreto delle ghiandole sebacee è una miscela di “lipidi o grassi”, detriti cellulari e residui di cheratina), serve a proteggere la cute dalle aggressioni esterne e a impermeabilizzare il capello, quindi a proteggerlo.

Usare Shampoo fatto in casa

possiamo realizzare un prodotto per lavare i capelli in modo naturale, che non sia aggressivo. Lo shampoo è stato introdotto solo nel 20esimo secolo, prima le persone usavano il sapone, che può comunque lavare i capelli altrettanto bene senza aggredire il bulbo. Ma il sapone non funziona bene in acqua alcalina, e quando l’acqua nelle zone civilizzate ha iniziato a diventare alcalina, il sapone è diventato un problema. Fa le scaglie secca i capelli. Così lo shampoo è stato introdotto, commercializzato con il solo vantaggio di lavorare sia in acqua dura e molle.

In alternativa c’è Bioscalin Bioscalin Shampoo in offerta da 200 Ml che aiuta a rinforzare i capelli oppure Biotina in capsule un concentrato di vitamine per la ricrescita di capelli, unghie, utile anche per la salute della pelle.

Il bicarbonato di sodio fa miracoli sui capelli. E ‘delicato e non presenta sostanze chimiche. Come molti detergenti naturali, la ricetta non è statica – può essere modificato in base alle proprie esigenze. Per la cura dei capelli basta un cucchiaio di bicarbonato di sodio per una tazza di acqua.
Possiamo usare anche un cucchiaio di aceto di sidro di mele in una tazza d’acqua, anche in questo caso laviamo i capelli ma non li aggrediamo.

Olio di Cocco come Usarlo per la Pelle, Capelli e Dieta

L’olio di cocco è stato demonizzato per molto tempo a causa del suo contenuto di grassi saturi. Questa affermazione è in parte vera, spieghiamoci però meglio. L’olio di cocco contiene un unico ceppo di acido grasso chiamato a catena media (MCT). La maggior parte degli acidi grassi presenti nelle diete sono a catena lunga o a catena corta, ma gli acidi grassi a catena media presenti nell’ olio di cocco sono metabolizzati in modo diverso.

L’ MCT predominante che si trova nell’ olio di cocco è l‘acido laurico. L’Olio di cocco è composto da circa il 50% di acido laurico, il che lo rende il cibo con la fonte piú ricca. L’ olio di cocco contiene anche l’ acido linoleico (uno potente acido grasso polinsaturo che ha omega-6 e omega-3, gli stessi che si trovano nelle carni bovine e nei prodotti lattiero-caseari).

Si tratta di componenti che sono spesso collegati alla gestione ottimale del peso a lungo termine e fanno bene alla salute. Presente anche l’acido oleico (ricco di omega-9 , acidi grassi monoinsaturi che aiutano nella riduzione della pressione sanguigna, aumentano il consumo dei grassi e proteggono le cellule dai danni dei radicali liberi, inoltre prevengono il diabete di tipo 2 e  impediscono la formazione di colite ulcerosa).

olio_di_cocco

Utilizzare l’olio di cocco per i Capelli

è un ottimo balsamo e aiuta nel processo di ricrescita dei capelli danneggiati. Fornisce anche le proteine ​​necessarie per nutrire il bulbo pilifero. Strofinare una piccola quantità di olio di cocco sul cuioio capelluto dopo aver lavato i capelli, e poi sciacquare.

PREVENZIONE DI MALATTIE CARDIACHE:

L’olio di cocco è benefico per il cuore. Come detto contiene il 50% di acido laurico che
abbassa i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna. L’ Olio di cocco non contiene grassi saturi che comunemente si trovato in oli vegetali, quindi non produce un aumento dei livelli di LDL. Riduce anche
l’incidenza di lesioni e danni per le arterie e quindi aiuta a prevenire l’aterosclerosi.

Il cocco è per noi un alimento esotico, ma in alcune parti del mondo è consumato in abbondanza da generazioni. Il miglior esempio di tale popolazione è quella che vive negli atolli di Tokelauani, nel Sud del Pacifico. Oltre il 60% delle loro calorie proviene da noci di cocco e sono i maggiori consumatori di grassi saturi nel mondo. Queste persone sono in ottima salute, con nessuna evidenza di malattia cardiaca .

Olio di cocco per la dieta

I trigliceridi a catena media (MCT) che si trovano nell’ olio di cocco possono aumentare il dispendio energetico rispetto alla stessa quantità di calorie di quelli che derivano da grassi a catena più lunga. Uno studio ha trovato che 15-30 grammi di MCT al giorno aumenta il dispendio energetico su 24 ore del 5%, per un totale di circa 120 calorie al giorno in meno che assimiliamo. In pratica un “brucia grassi”.

Aumenta l’immunità:

Studi hanno dimostrato che l’olio di cocco può aiutare a costruire una resistenza ai virus
e batteri che possono causare varie malattie batteriche. Può anche aiutare a combattere micosi, funghi e candida. Ha influenze positive anche sugli ormoni per la tiroide e livella lo zucchero nel sangue
per migliorare l’uso di insulina.

Creare una bevanda energetica con l’olio di Cocco

mescolare un cucchiaio di olio di cocco e uno di semi di chia in una tazza di yogurt greco al mattino è un ottimo modo per avere un pieno di energia naturale ed efficace.

Olio di cocco per la pelle

Si può ritardare la comparsa delle rughe ed il rilassamento cutaneo. L’olio di cocco aiuta anche nel trattamento di psoriasi, dermatite, eczema e altre infezioni della pelle. Può contribuire a proteggere la pelle dai radicali liberi, che possono causare un invecchiamento precoce.

Studi su individui che presentano pelle secca mostrano che l’olio di cocco può migliorare l’umidità e il contenuto lipidico della pelle. L’olio di cocco può anche essere un rimedio naturale per i capelli molto protettivo contro i danni. Uno studio dimostra l’ efficacia come protezione solare, blocca circa il 20% dei raggi ultravioletti del sole.

Sette Snack Veloci da 200 calorie

Durante la giornata siamo attaccati da morsi di fame, lo stomaco brontola e chiede cibo. Un bar, una rosticceria, un distributore di snack rappresentano facili tentazioni, ma sono deleteri se siamo a dieta. Non solo dal punto di vista del conteggio delle calorie quotidiane, ma anche per colpa dei grassi saturi ed idrogenati.

Un piccolo spuntino potrebbe fare sballare il nostro conteggio di calorie quotidiano, ecco perchè è bene sceglierlo in base al suo apporto dietetico.

Oggi vi proponiamo sette snack veloci, sia dolci che salati, da meno di 200 calorie per i nostri pasti quotidiani da affiancare a quelli principali ricordando che ci sono anche cibi che aiutano ad eliminare il grasso.

Cose dietetiche, naturali e che non ci fanno saltare la nostra dieta. Snack che hanno un po ‘di proteine, fibre, e grassi sani sono di solito i migliori perché ci lasciano soddisfatti più a lungo. Non dobbiamo cercare nuovamente cibo dopo 1 ora.

Banana e burro di arachidi

una banana piccola-media ed un cucchiaio di burro di arachidi danno un apporto di 210 calorie.

Verdura e Mele

1 mela media, 1 cucchiaio di burro di arachidi naturale (solo arachidi e sale), 1/2 tazza di Carote, 1/2 tazza di sedano, circa 210 calorie.

calorie_snack

Mela e snack dietetico

1 mela ed una barretta dietetica, circa 180 calorie.

Oppure una mela e 9 mandorle, totale 200 calorie.

Cracker

5 cracker di riso integrali, 1 cucchiaio di burro di arachidi naturale (solo arachidi e sale),1/2 Un Arancio, 200 calorie

Yogurt

1 vasetto da 125 ml di yogurt bianco, senza zucchero, possiamo usare mezzo cucchiaio di miele, 5 albicocche secce, circa 180 calorie.

Ricotta

una banana media ed un vasetto di ricotta, 200 calorie

Bresaola

due fettine di pane integrale (50 gr) con 3 fette di bresaola, circa 190 calorie.

Ricordiamo che è sempre meglio utilizzare frutta fresca e verdura, di stagione e non gli snack preconfezionati. Oltre che elaborati in maniera industriali, possono apportare molte calorie. Un sacchetto di patatine fritte equivale a 550 calorie.

Cercare di non usare mai zucchero (1 grammo di zucchero equivale a 4 kilocalorie) e nemmeno fruttosio per dolcificare, ma utilizzare la Stevia. No ai succhi di frutta e tantomeno a bibite che contengono zuccherate.

Anche la cioccolata potrebbe andar bene in piccole quantità (40 grammi per 200 calorie), preferibile quella fondente con percentuale di cacao 99% o 85%.